Anomalie Spaziali Cambiamenti Climatici Disastri Ambientali Earth Changes Planet X Nibiru

Documenti della NASA confermano l’esistenza del Pianeta X. Il suo approssimarsi alla Terra non è ora!!

Questo documento importante (vedi: fonte)  rivela che 200 anni fa qualcosa aveva disturbato le orbite dei pianeti esterni del sistema solare. Per alcuni scienziati il misterioso Pianeta X potrebbe effettivamente esistere e annidarsi nel nostro sistema solare, una sorta di pianeta errante,come descriveva anche il famoso scrittore Zecharia Sitchin. Ovviamente il Sig. Meade che aveva profetizzato l’impatto di Nibiru con la Terra il 23 Settembre, prima ancora il 23 Agosto, ha fatto ridicole previsioni basate sul nulla. Ha dichiarato inoltre di aver visto un filmato sull’arrivo di Nibiru, ma non credo sia la verità.  Solo menzogne per farsi pubblicità dei suoi libri.

Ma il Pianeta X che secondo tutti dovrebbe essere Nibiru,  menzionato poi nei file della NASA, è effettivamente quello descritto da Sitchin come il ‘pianeta Nibiru’ che ogni 3600 anni tende ad avvicinarsi alla Terra intersecando la sua orbita regolare. In seguito alla scoperta del pianeta Nettuno nel 1846, c’è stata una notevole speculazione sul fatto che un altro pianeta potrebbe esistere al di là dell’orbita terrestre.

planet-x-nibiru-nasa744

La ricerca è iniziata a metà del 19° secolo e culminò all’inizio del 20°, con la ricerca di Percival Lowell sul fantomatico Pianeta X. 
Lowell ha proposto l’ipotesi del Pianeta X per spiegare le apparenti discrepanze nelle orbite dei pianeti giganti, come Urano e Nettuno, ipotizzando che la gravità di una grande e invisibile (nono) pianeta potrebbe aver turbato la gravità di Urano in modo tale da poter spiegare le sue irregolarità orbitali.

Queste perturbazioni hanno portato quindi alla scoperta di un corpo massiccio (gennaio 2016) di nome Planet 9 (o meglio planet X) grazie a due astronomi, il dr. Konstantin Batygin e il Dr. Mike Brown, del CALETCH – California Institute of Technology, che in uno studio apparso su TheAstronomical Journal sostengono di avere in mano dei dati decisamente solidi, ovvero le prove dell’esistenza di questo enorme pianeta.

The putative ninth planet—at 5,000 times the mass of Pluto—is sufficiently large that there should be no debate about whether it is a true planet.

Clyde Tombaugh, l’uomo che ha scoperto Plutone nel 1930 si fece avanti per convalidare l’ipotesi di Lowell.  Nel 1978, Plutone è stato considerato troppo piccolo per influenzare i pianeti giganti per via della sua bassa gravità, costringendo gli scienziati a condurre una conseguente breve ricerca sull’eventuale esistenza di un decimo pianeta.
Questo pianeta X più grande della Terra si nasconderebbe nelle profondità oscure dello spazio ben al di là di Plutone, che aspetta solo di essere scoperto attraverso le analisi delle orbite di “oggetti trans-nettuniani estremi” ( Etnos) . 
Riteniamo che la spiegazione più probabile è che questo pianeta ed eventualmente altri pianeti sconosciuti possano esistere al di là di Nettuno e Plutone,” ha dichiarato l’autore principale Carlos de la Fuente Marcos, dell’Università Complutense di Madrid.

Egli non è il primo a dare credito alla possibile esistenza di un cosiddetto Pianeta X.  Nel mese di marzo 2014, Chadwick Trujillo e Scott Sheppard hanno annunciato la scoperta dei corpi celesti 2012 VP113 e Sedna.  Essi si troverebbero all’interno della Nube di Oort, la regione inesplorata dello spazio localizzata al di là della fascia di Kuiper (dove si trova Plutone ). 
Trujillo e Sheppard hanno suggerito che le orbite del 2012 VP113 e Sedna sono in linea con la continua presenza di un grande “perturbatore“, forse un pianeta 10 volte più massiccio della Terra che si troverebbe a 250 UA dal Sole.

Se ci sono ancora dubbi sull’esistenza del Pianeta X, i veri documenti pubblicati nell’ottobre 1988 dalla NASA confermano effettivamente che da lungo tempo gli scienziati erano già a conoscenza dell’esistenza del Pianeta X , così come le conseguenze che avrebbe riportato il pianeta Terra a seguito del suo passaggio.

The six most distant known objects in the solar system with orbits exclusively beyond Neptune (magenta) all mysteriously line up in a single direction. Such an orbital alignment can only be maintained by some outside force, Batygin and Brown say. Their paper argues that a planet with 10 times the mass of the earth in a distant eccentric orbit anti-aligned with the other six objects (orange) is required to maintain this configuration.

L’approccio del Pianeta X nel nostro sistema solare consiste nell’invio di una enorme quantità di particelle di energia plasmatica elettricamente carica che potrebbe condizionare tutti i pianeti del nostro sistema solare per effetto dei flussi sul nucleo della Terra, innescando importanti cambiamenti climatici, potenti uragani e potenti terremoti.

I lettori  ricorderanno le affermazioni della scienziata Pattie Brassard durante una intervista a Veritas Radio. La scienziata affermò che, avendo avuto accesso a documenti segreti attraverso funzioni svolte nell’esercito, Microsoft e la NASA stessa, successivamente iniziò le sue rivelazioni che riguardano l’incidente nucleare di Fukushima avvenuto in Giappone nel 2011. “Sì, il terremoto tsunami è stato un evento naturale, ma non dimentichiamo che qesto evento cataclismatico è avvenuto per i motivi dell’allineamento ‘naturale’ di Planet X che sta creando anomalie nel sistema solare.

PLANET X NASA912

Nibiru fotografato dalla sonda spaziale IRAS della NASA

“Le cose non faranno che peggiorare da ora in poi, ma solo a livello climatico”

Gli scienziati militari e la NASA sono essere in grado di calcolare l’allineamento successivo di Planet X,   provocando un forte terremoto così forte che sarà in grado di sconvolgere la California con i rischi di farla sprofondare nell’oceano.

“Le cose non faranno che peggiorare da ora in poi” – commenta  la ex esperta della Nasa, “perchè sta arrivando un secondo Sole con i suoi sette pianeti orbitanti ma si trova esternamente al sistena solare. UNo di questi corpi massicci del sistema Nemesis è quello più pericoloso, avvicinandosi alla periferia del sistema solare crea forti perturbazioni gravitazionali. Chiamatelo con il nome che vogliamo (Planet X, Nibiru, Hercólobus, Assenzio), è certo che è stato previsto il suo arrivo, ma non sarà ora. Il secondo sole è un decimo della dimensione del nostro Sole, ma uno dei pianeti che porta con se in orbita è quattro volte più grande di Giove (Blu Kachina previsto dagli indiani Hopi). Secondo la signora Brassard, vediamo che le cose peggiorano sensibilmente da qualche anno a questa parte.

Certamente queste dichiarazioni della Brassard si ricollegano a quanto pubblicato nell’ottobre 1988 dalla NASA, confermando effettivamente che da lungo tempo gli scienziati erano già a conoscenza dell’esistenza del Pianeta X , così come le conseguenze che avrebbe riportato il pianeta Terra a seguito del suo passaggio. 

Non a caso dal 1996 ad oggi,  la rete globale di monitoraggio, ha cominciato a rivelare un aumento costante dell’attività sismica, eruzioni vulcaniche e insolite variazioni dei modelli meteorologici che dal 1980 sono aumentati drammaticamente insieme al numero dei disastri naturali.

E ‘interessante sapere che il progetto New Horizons è iniziato nel 1990, appena due anni dopo che la NASA ha rivelato i propri documenti sul Pianeta X. Coincidenza?
Inoltre nello stesso periodo di tempo, nei primi anni del 1990 la ricerca del Pianeta X e’ stata in gran parte abbandonata (Cover-Up), quando un cosiddetto studio delle misure da parte del Voyager 2 aveva permesso di scoprire che le irregolarità riscontrate nell’orbita di Urano erano dovute ad una leggera sovrastima della massa di Nettuno.

Massimo Fratini

 Redazione Segnidalcielo



SHARE
RELATED POSTS
Dieci forti scosse sismiche di 5.9 magnitudo, hanno colpito diverse regioni del sud del Cile
Il potere mondiale teme il risveglio delle coscienze
Marte: resti fossili di una piccola creatura alata fotografati da Rover Curiosity

Comments are closed.