Home Anomalie Spaziali Deep Impact: la NASA a caccia di Asteroidi Killer – pronto il...

Deep Impact: la NASA a caccia di Asteroidi Killer – pronto il Telescopio Sentinel

17
0

Contro gli asteroidi killer sarà in orbita Sentinel, nuovo telescopio spaziale che sarà lanciato nel 2017. Gli asteroidi, infatti, sono una concreta minaccia per il nostro pianeta, in grado di provocare danni paragonabili a quelli di migliaia di bombe atomiche.  Per questo, gli astronomi cercano di censire e calcolare le orbite di tutti quelli più pericolosi, che nel loro tragitto intorno al Sole intersecano l’orbita terrestre. E così tra cinque anni, vi sarà un dispositivo in più in grado di individuarli. La fondazione privata californiana B612 sta mettendo a punto un telescopio ad infrarossi chiamato “Sentinel”, che verrà lanciato da un vettore “SpaceX Falcon 9” per andare a collocarsi nell’orbita di Venere, in un punto tra 0,6 e 0,8 volte la distanza tra la Terra e il Sole.

sentinel2

Nei primi cinque anni di attività, “Sentinel” dovrebbe identificare il 90 per cento degli asteroidi con diametro maggiore di 150 metri, e raccogliere informazioni utili alla mappatura di asteroidi più piccoli, fino a 30 metri di larghezza. Questo lavoro è necessario per calcolare se e quando qualcuno di questi corpi finirà per impattare il nostro globo. In tal caso, dovrebbero essere prese opportune contromisure per deviarne l’orbita, per esempio usando cariche termonucleari. La Nasa ha già in funzione un progetto simile, ma meno sensibile: il telescopio spaziale Near-Earth Object, che finora ha identificare diecimila asteroidi, fra cui il 90 per cento di quelli con un diametro maggiore di 800 metri.


E ‘tempo che il settore privato spaziale si faccia avanti per aiutare nella ricerca di potenziali asteroidi e meteore killer che possano distruggere città intere. Questo in sostanza quanto è stato richiesto dalla NASA durante l’audizione di Mercoledì 10 aprile 2013.
Il Comitato alla Camera, sulla Scienza, Spazio e Tecnologia ha chiamato in audizione scienziati della NASA e cacciatori di asteroidi del settore privato nel corso di un’audizione dal titolo “Minacce dallo spazio”, con entrambi i gruppi d’accordo che qualcosa di più deve essere fatto per tracciare e mappare gli asteroidi e le meteore killer

 

ed lu b612
il dr. Ed Lu, amministratore della B612 Foundation

Alla NASA annunciano: ” abbiamo bisogno di cacciatori di asteroidi  e nel 2017 il telescopio Sentinel sarà in orbita

“Il rilevamento di asteroidi non dovrebbe essere la missione principale della NASA,” ha detto in udienza Lamar Smith, presidente del Comitato della Camera sulla Scienza, Spazio e Tecnologia, «Senza dubbio il settore privato svolgerà un ruolo importante. Dobbiamo riconoscere meglio ciò che il settore privato può fare per aiutare nei nostri sforzi per proteggere il mondo“.
L’incontro del 10 Aprile era il secondo di tre, volto a comprendere la minaccia per la Terra rappresentata da asteroidi nello spazio. La prima udienza si è svolta alla fine di marzo, e affrontava i modi di come gli apparati governativi, come la NASA e l’Aeronautica Militare, possono mitigare i rischi posti sul problema delle rocce spaziali. Gli incontri sono stati programmati in risposta ad una sorprendente caduta di una meteora esplosa sulla Russia e il passaggio ravvicinato di un asteroide 2012 DA14 – entrambi i quali si sono verificati il 15 febbraio.
Gli astronomi hanno mappato le orbite di oltre il 90 per cento degli asteroidi potenzialmente pericolosi, che terminano in prossimità della Terra. “Tuttavia, il monitoraggio riguarda qualcosa di più piccolo di 0,6 miglia (1 km) di diametro e questo per la NASA è più difficile – ha commentato Ed Lu, l’amministratore delegato della B612 Foundation, un’organizzazione non-profit che si trova nelle prime fasi della costruzione di un telescopio spaziale che orbiterà intorno alla Terra e che potrà mappare gli asteroidi killer di una certa grandezza. Il lancio nello spazio di questo telescopio e previsto per il 2017.

sentinel_1

Sentinel

“La NASA – prosegue Lu – non è in grado di seguire, tracciare o mappare i più di 1 milione di asteroidi più piccoli e che potrebbero spazzare via una città intera, o forse far crollare l’economia mondiale se colpiscono nel posto sbagliato“.

Il Telescopio spaziale della B612, soprannominato Sentinel , sarà costruito per aiutare nella ricerca di piccoli asteroidi vicino alla Terra. Meno del 10 per cento degli asteroidi che sono statai trovati, misura circa 150 metri di diametro, mentre solo l’1 per cento di tutti gli asteroidi misura circa 40-50 metri, e questi rientrano nella gamma dei “killer city” e sono stati monitorati.

“Questi asteroidi killer City, sono notoriamente difficili da individuare con i metodi basati a terra utilizzati dalla NASA oggi, perché le rocce spaziali sono relativamente piccole e scure” – ha detto Don Yeomans, capo del programma Near-Earth Object della NASA. ” Abbiamo l’opportunità – dice Yeomans – di intercettare e mappare asteroidi e meteore vicini alla Terra, utilizzando telescopi spaziali a raggi infrarossi“.

“La ricerca di rocce spaziali in luce infrarossa – come potrà fare il Sentinel da 240 milioni dollari – potrebbe consentire agli astronomi di trovare un maggior numero di oggetti più piccoli che sono troppo scuri per essere visti in luce visibile” – ha detto Yeomans.

Michael A’Hearn, un astronomo che lavora con il Consiglio Nazionale delle Ricerche, ha detto in udienza: “Al momento, non abbiamo la tecnologia per deviare un asteroide, ma gli scienziati non sarebbero neanche in grado di utilizzare gli stessi metodi presi in considerazione solo con semplici teorie, senza il tempo sufficiente per la loro attuazione.
“Ma in primo luogo, gli asteroidi devono essere trovati e poi semmai deviati.” – commenta Ed Lu- “non si può deviare un asteroide che non hai ancora rintracciato. “La nostra tecnologia è inutile contro qualcosa che non abbiamo ancora trovato.”

Redazione Segnidalcielo