Crop Circle Misteri UFO

CROP CIRCLE, il primo pittogramma di Giugno sembra prevedere il crollo del Campo Magnetico

Il primo Crop Circle di giugno manifestatosi in un campo di frumento in Inghilterra, nel Wiltshire, l’11 giugno 2020 forse è un’anteprima dell’Eclisse anulare del 21 giugno? E una somma di effetti che scatenano disturbi di ogni tipo, climatici, sismici, vulcanici, solari, magnetici?

Un Sole interno disegnato nel cerchio centrale del nuovo agroglifo

Si vede che le interpretazioni devono essere situate nell’energia solare, perché il cerchio centrale più grande è un Sole messo in dettaglio dagli steli delle spighe abbassate. Presto, immagini migliori e più vicine ci consentiranno di controllare meglio i dettagli. Giorno dell’eclissi solare, 21 giugno, giorno sacro, il giorno più lungo dell’anno (emisfero nord ed estate). E questa estate promette nuovi impatti energetici, come l’anno scorso.

Eclissi di giugno

In una semplice analisi effettuata,  all’interno di una lettura che segue modelli precedenti, vediamo in questo elegante crop circle una rappresentazione degli allineamenti di Sole, Luna e Terra entro il periodo delle eclissi di giugno, vale a dire eclissi lunare (5 giugno) ed eclissi solare  il 21 giugno.

E come sempre, anche ripetendo i temi dei cerchi nel grano francesi del 2019, vediamo le ONDE DI ENERGIA GRAVITAZIONALE generate nell’allineamento (ci siamo dentro) e, come ben sappiamo, gli impatti che tali allineamenti ed energie generano nel sistema solare. L’inversione magnetica del campo terrestre è solo uno dei problemi del sistema scosso in totale.

Aspettiamo quindi gli shock planetari nei prossimi giorni.
L’eclissi solare totale avverrà tra pochi giorni … molto può accadere da allora … e poi perché il 21 luglio c’è un altro importante allineamento.

Rotture orbitali

Oltre all’allineamento espresso (eclissi), c’è qualcosa di strano in questo modello. Vediamo il Sole centrale, la sequenza di due orbite (Mercurio e Venere) e la Terra, seguita dalla Luna (a forma di mezzaluna).
E ci sono due “rotture” nelle orbite di Mercurio e Venere (segnate in X) in un arco di circa 135 °.
Qualche tipo di shock che interesserà i pianeti vicini? Appare una sorta di oscillazione, che rafforza il recente messaggio del crop circle Yin-Yang (30.05.2020).

Shock magnetici, inversione di campo, un sistema che manifesta estremismi in tutto, sempre più temperature estreme, energie estreme. Il più grande mistero di questo modello è: cosa significano le rotture nelle orbite di Mercurio e Venere? Valutando la mappa del sistema solare per il giorno dell’eclissi solare, notiamo che la maggior parte dei pianeti sono ragionevolmente allineati in una sola direzione dello spazio (Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove, Saturno, Plutone), che dovrebbe generare molta energia gravitazionale nel sistema.

Spostamento del campo magnetico verso l’inversione magnetica

Il Polo Nord magnetico negli ultimi anni si è allontanato dal Canada e si è trasferito in Siberia, in Russia. Lo spostamento è stato così rapido che ha costretto gli scienziati a fare aggiornamenti più frequenti ai sistemi di navigazione GPS, compresi quelli utilizzati nelle mappe degli smartphone.
Vedendo questo modello in un’altra luce, il cerchio centrale è la Terra e le due orbite, le linee di forza del campo magnetico, con due interruzioni. Rotture che rappresentano guasti nel campo magnetico, come è successo da diversi anni.

E l’angolo tra le due pause può rappresentare quel passaggio dal polo dal Canada alla Russia.

I cerchi alle estremità possono finalmente rappresentare la “nuova Terra” (cerchio della stessa dimensione, ma vuoto) assumendo un nuovo campo magnetico (invertito), secondo questa oscillazione su entrambi i lati, sinistro e destro, che rappresenta un movimento di inversione, che rappresenterebbe l’Apocalisse globale delle telecomunicazioni sul nostro pianeta!

di Jonass Passos

Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
TRAPPIST-1, Astrofisici scoprono che la probabilità di vita nel Sistema di Esopianeti è superiore a quello della Terra
Hoia Baciu la foresta che terrorizza la Romania
Robert Bigelow, famoso nel settore aerospaziale della NASA afferma: “gli Alieni vivono in mezzo a noi”

Comments are closed.