Vita nel Cosmo

ANCIENT ALIENS: Civiltà tecnologiche avanzate hanno popolato la Terra prima degli Umani!

Civiltà tecnologiche avanzate avrebbero popolato la Terra prima degli Umani! Questa sembra essere l’alba di una straordinaria ipotesi teorico-scientifica, ovvero, una precedente specie a quella umana, potrebbe essere sorta sulla Terra, proveniente forse da un altro pianeta.

Secondo Jason Wright, assistente professore di astrofisica e astronomia della Pennsylvania State University, la risposta è sì.  Wright osserva che sulla Terra, l’erosione e la tettonica a placche potrebbero aver cancellato qualsiasi prova che delle specie extraterrestri  siano vissute sul nostro pianeta milioni o forse miliardi di anni fa.

Immagine correlata

Possiamo oggi affermare con certezza che la nostra specie non sia stata la prima e l’unica nell’Universo, quindi esiste la possibilità che la vita sia esistita prima dell’essere umano. Qualcosa di diverso quindi,  forse è esistito prima di noi nel nostro Sistema Solare o al di fuori del nostro girdino cosmico?

La teoria del professor Wright

Il professor Wright sostiene che civiltà “aliene tecnologiche” potrebbero aver vissuto su uno dei pianeti del nostro sistema solare, e alla fine scomparire senza lasciare traccia. In uno studio intitolato “Specie tecnologiche indigene anteriori“, Wright propone con fermezza, che gli antichi alieni possano aver persino vissuto su Marte, su Venere o sulla Terra.

Risultati immagini per ancient technological species

In un importante documento scientifico del professor Wright, si afferma che ” il lavoro SETI sulle ricerche di artefatti alieni nel Sistema Solare in genere presuppone che tali artefatti siano di origine extrasolare, anche se è noto che la vita sia esistita nel Sistema Solare, sulla Terra, per eoni. Ma se nel Sistema Solare fosse mai esistita una specie tecnologica precedente, forse di dimensioni spaziali, avrebbe potuto produrre artefatti o altre tecniche che sono sopravvissute fino ad oggi, il che significa che il manufatto del Sistema Solare SETI fornisce un potenziale percorso per risolvere la domanda dell’astrobiologia”.

misteriosi artefatti alieni su Marte

Il documento integrale, visibile a questo indirizzo, https://arxiv.org/pdf/1704.07263.pdf , espone diverse possibilità al riguardo, tuttavia, se queste civiltà aliene avanzate fossero esistite nel nostro sistema solare o sulla Terra , la maggior parte delle prove della loro esistenza, è probabilmente ormai scomparsa.

Quanto tempo fa sarebbe esistita questa specie evoluta?

Una delle principali questioni aperte dall’astrobologia ,è se esiste una vita estinta ,o estinta altrove nel Sistema Solare. Il professor Wright, in questo studio afferma: “per gran parte di questo lavoro, stiamo cercando la vita microbica o, anche se gli artefatti tecnologici , le prove potrebbero essere molto più facili da trovare: ci si potrebbe aspettare che le restanti tecniche indigene siano estremamente vecchie, limitando i luoghi in cui potrebbero ancora essere trovate al di sotto delle superfici di Marte e della Luna, o nel Sistema Solare esterno”, scrive il professor Wright “se ci sono tracce di civiltà aliene avanzate sulla Terra, allora la prova della loro esistenza è probabilmente collocata sottoterra“.

una piramide scoperta sulla superficie lunare

Le strutture sotterranee, potrebbero essere la “chiave di volta”

“Le strutture sepolte sotto le superfici potrebbero sopravvivere ed essere individuabili a condizione che non subiscano una collisione così grave che la loro natura artificiale viene cancellata. Distruggerli semplicemente li renderebbe non funzionali, ma potrebbero comunque essere riconoscibilmente tecnologici. Potremmo congetturare che gli insediamenti o le basi su questi oggetti sarebbero stati costruiti sotto la superficie per una serie di motivi, e quindi sono ancora oggi individuabili”, afferma il professor Wright, che ha scosso un argomento molto controverso, sostenendo che nella nostra attuale era, il crescente settore dell’archeologia spaziale potrebbe un giorno aiutare a rivelare la prova di antiche civiltà aliene.

Come notato dal professor Wright,il pianeta Marte probabilmente poteva essere stato un luogo di insediamento ideale: aveva acqua superficiale liquida e poteva essere abitabile. Come tale, è spesso considerato il luogo più probabile per trovare prove per la vita extraterrestre nel Sistema Solare. Dopo la Terra, è quindi anche forse l’ospite più probabile per una specie tecnologica indigena precedente.

“Tali scoperte potrebbero verificarsi usando gli strumenti dell’archeologia dello spazio che include la ricerca e l’interpretazione di artefatti umani nello spazio. Forse più probabilmente, il radar di immagini e sottosuolo utilizzato per studiare la geologia delle superfici planetarie potrebbe rivelare tracce di strutture sepolte o altri artefatti “, conclude il professor Wright.

Le attuali missioni spaziali stanno cercando di trovare segni di vita nel nostro sistema solare, ma queste missioni potrebbero anche trovare tracce dell’esistenza di civiltà tecnologiche precedenti, che lo studio potrebbe dimostrare, essere esistite prima del genere umano: secondo Wright, la risposta è si.

a cura di Monica E.

per la Redazione Segnidalcielo

 

SHARE
RELATED POSTS
Astronomo è sicuro che una Nave Aliena si trova su Giove e ha Contattato la Terra
Alieni tra gli Umani e la Trasmigrazione Planetaria
PLANET X, qualcosa si nasconde nei punti più esterni del Sistema Solare

Comments are closed.