Earth Changes Medicina Scienze News

Cancro, nuovo trattamento altamente efficace!

Gli scienziati della University of Huddersfield sono i primi a raggiungere una comprensione più profonda di una molecola che distrugge i tumori cancerosi, senza danneggiare i tessuti sani. La scoperta apre la possibilità di efficaci nuovi trattamenti contro il cancro che sono privi di effetti collaterali gravi.

Un gruppo di ricerca guidato dal Dr. Nikolaos Georgopoulos ha sviluppato e brevettato un regime di trattamento del cancro che esplora le proprietà uniche della molecola, una proteina chiamata cluster di differenziazione 40 (CD40). La fase successiva è un finanziamento sicuro per gli studi clinici.

Nell’immagine sotto, viene indicata una popolazione di cellule tumorali prima e dopo il trattamento con la proteina Cluster designato di differenziazione 40 (CD40). Dopo il trattamento, le cellule tumorali si sono notevolmente ridotte e presto scompaiono completamente.

Dr Georgopoulos è uno specialista nella ricerca sul cancro e il cluster CD40 lo ha studiato per quasi 16 anni.

“Nel 2002,  – dichiara il Dr. Georgopoulos – abbiamo riportato che questo particolare membro della famiglia dei recettori del TNF è unico. Molti membri di questa famiglia sono molto buoni nel causare la morte delle cellule. Ma la molecola CD40 è speciale. Sembra specificamente adatta ad uccidere le cellule tumorali, ma quando attivato nelle cellule normali, queste ultime non muoiono rimanendo intatte. E ‘stato fondamentale per capire queste notevoli proprietà di CD40, con il suo immenso potenziale per la terapia del cancro.  Anni di ricerca hanno iniziato a svelare il mistero.”

Immagine correlata

“Sapevamo che questa molecola CD40 sembrava essere molto buona per uccidere le cellule tumorali. Così abbiamo deciso di vedere come agisce a livello molecolare. Se comprendiamo ciò che fa e ciò che è così speciale su di essa, possiamo progettare il nostro modo per uccidere i tumori. Ora abbiamo individuato esattamente il motivo per cui questa molecola può uccidere le cellule tumorali e senza influenzare le cellule normali “.

Le cellule tumorali si dividono e proliferano continuamente. Questa attività di proliferazione le mette sotto notevole stress, ma hanno sviluppato proprietà protettive che permettono loro di far fronte a questo stress.  CD40 elimina questa protezione per le cellule tumorali che cosi vanno a morire, ma dato che le cellule normali non sono poste sotto lo “stress ossidativo”, queste non sono danneggiate dalla proteina.

Gli scienziati scoprono le proprietà dietro molecola cancro indurimento

CD40 cluster di differenziazione

Dr. Georgopoulos e il suo co-ricercatore il DR. Chris Dunnill della University of Huddersfield, hanno fatto questa scoperta perché invece di lavorare esclusivamente con le cellule tumorali, sono stati in grado di fare confronti con gli effetti di CD40 in cellule normali e di ingegneria per le cellule maligne che ha permesso di imitare il processo di carcinogenesi: lo sviluppo del cancro.

Il team ha anche lavorato su un metodo di utilizzo di CD40 in bioterapia per via endovenosa, scoprendo il modo migliore per distribuire la molecola. Questa scoperta è stata brevettata e l’Università sta esplorando la fase di marketing attraverso una società di spin-out, provvisoriamente chiamata ThanatoCure ™.  Thanatos è la parola greca che sta per “morte”, che si riferisce alla morte cellulare.

Dr Chris Dunnill e Dr Nik Georgopoulos

A sinistra il Dr Chris Dunnill e il Dr Nik Georgopoulos

Discussioni avanzate sono in corso con una società specializzata nella prima fase di sviluppo di terapie antitumorali innovative. La società si aspetta di ottenere finanziamenti dalla regione di £ 900.000 per la sperimentazione clinica, che vedrebbe i pazienti con tumore del colon-retto ricevere il nuovo trattamento. Le prove potrebbero già iniziare a fine 2017.

Gran parte della ricerca che ha portato alla scoperta della terapia anti cancro CD40, è stata condotta dal Dr. Chris Dunnill, durante e oltre il suo dottorato, sotto la supervisione del Dr. Georgopoulos. Poi ci sono i dottorandi collaboratori Dr. Albashir Khalidah Ibraheem Mohamed, supervisionati dal Dr. Georgopoulos e il professor Jenny Southgate, Dipartimento di Biologia, Università di York.

Traduzione e arrangiamento a cura della Redazione Segnidalcielo

riferimenti: link

SHARE
RELATED POSTS
ANOMALIA IN ANTARTIDE: apparecchiature della NASA registrano strani suoni nel ghiacciaio di Ross
TELEPATIA CIBERNETICA: ricercatori dell’Università di Washington hanno inventato “BrainNet” sistema di comunicazione da cervello-a-cervello
Fukushima: le radiazioni raggiungono San Francisco e lo Utah

Comments are closed.