UFO

Bob Dean: enormi astronavi aliene sono state fotografate nei pressi di Saturno

Robert Dean, per gli amici Bob,  è stato militare nell’Esercito Statunitense e si è congedato dopo 28 anni di carriera con il grado di sergente maggiore. Dopo il congedo si è stabilito a Tucson in Arizona e si è dedicato all’ufologia e al Cover-Up sugli UFO e gli  extraterrestri. Ha preso parte a numerosi programmi radiofonici e televisivi sugli UFO e ha tenuto numerose conferenze negli USA con particolare riferimento alle tematiche della teoria del complotto sugli UFO.

Dean si considera un ricercatore professionale sugli UFO e afferma che nel periodo in cui era nell’esercito aveva un’autorizzazione speciale per accedere a documenti segreti. Mentre svolgeva servizio in Belgio presso il Quartier Generale Supremo della NATO in Europa (SHAPE), avrebbe letto un documento segreto intitolato The Assessment, che analizzerebbe le possibili minacce costituite dalle presunte attività svolte dagli extraterrestri sulla Terra. Tale studio sarebbe stato redatto a seguito di un’ondata di avvistamenti di UFO avvenuta in Europa nel 1961.

In un recente convegno, Bob Dean ha mostrato al pubblico alcune immagini video relative ad una astronave aliena lunga più di un miglio, (forse 2000 km). Questa astronave era un cargo che estraeva, secondo Dean, rocce minerali da uno degli anellli di Saturno. Il fatto sarebbe accaduto nel 1980.

 

 

In un Footage recente, trapelato dal programma spaziale russo, mostrano chiaramente lo stesso oggetto o astronave, come descritto da Robert Dean.  Nel settembre 2009, la sonda spaziale Cassini, ha fotografato quello che la NASA chiama “anomalia” ma si trattava di un oggetto simile a quello avvistato vicino agli anelli di Saturno molti anni prima. Sempre secondo Bob Dean e altri ricercatori UFO, queste enormi astronavi sarebbero di tipo “biologico”, interfacciate e controllate da una intelligenza extraterrestre. E’ stato stabilito che l’ oggetto avvistato dalla sonda Cassini aveva una lunghezza di 2000 miglia e un diametro di circa 500 miglia.

Dr. Norman Bergrun: “enormi astronavi Aliene erano parcheggiate vicino agli anelli di Saturno”

Il 30 gennaio 1996, il programma di interviste radiofoniche di Alan Handlemann sulla WRFX-FM di Charlotte, North Carolina, presentava un ex scienziato della NACA (National Advisory Committe for Aeronautics, ora NASA), il Dott. Norman Bergrun, che svelava come la sonda spaziale Voyager della NASA avesse scattato fotografie di un oggetto cilindrico, lungo circa una volta e mezzo il diametro della Terra, in orbita negli anelli di Saturno. Il Dott. Bergrun (nella foto sotto) affermò che si notavano strisce luminose per tutta la lunghezza dell’oggetto cilindrico, implicanti l’esistenza di portelli di scarico.

Spaceship in anelli di Saturno

Ora, sono state pubblicate conferme indipendenti su Science News (febbraio 1996 vol.149, no.5 p.71) dove viene riportato che il telescopio spaziale Hubble ha fotografato un grande oggetto allungato orbitante tra gli anelli di Saturno in uno scatto, ma che è scomparso da quello successivo. Altri due oggetti orbitanti, molto grandi e molto luminosi, furono fotografati il 22 maggio ’95 e il 10 agosto ’95, ma per il 21 novembre erano scomparsi.
Il Dott. Bergrun ritiene che l’oggetto cilindrico sia controllato in maniera intelligente, e possiede caratteristiche che lo qualificano come un veicolo spaziale. Quando è stato domandato perché la NASA non era riuscita prima a fotografare l’enorme veicolo, ha risposto che “hanno la tendenza a nascondersi nella propria scia di scarico”. L’ex scienziato della NASA ha detto che lo scarico lungo il veicolo e alle sue estremità appare come il materiale che costituisce l’anello.

ULTIMA INTERVISTA A BERGRUN

In una sua recente intervista fatta dalla ricercatrice e giornalista Kerry Cassidy del Project Camelot, intervista fatta nel mese di Giugno 2012 durante la Convention Mondiale sugli UFO, il Dott. Norman Bergrun, nonostante la sua avanzata età (91 anni), dichiara e conferma che su Saturno, più precisamente intorno agli anelli del grande pianeta gassoso, erano parcheggiate delle vere e proprie astronavi aliene e i documenti che attestano la presenza di queste grandi astronavi, viene secretato dalla NASA e NSA, grazie allo Space Act del 1958.

“Mentre intraprendevo privatamente uno studio dettagliato della NASA sulle fotografie registrate dalle sonde Voyager 1 e Voyager 2 e riguardanti appunto gli anelli di Saturno, ho scoperto come dagli stessi anelli si erano formate emissioni di onde elettromagnetiche emergenti da giganteschi veicoli (EMV).

Quando gli è stato chiesto perché la NASA ed altre agenzie governative non hanno rilasciato prima queste informazioni, il Dott. Bergrun ha risposto che lo Space Act del 1958 dispone che i dati spaziali possono essere trattenuti se viene trovato qualcosa che potrebbe costituire una minaccia e che un veicolo di tale grandezza sarebbe considerato una minaccia e sarebbe ritenuto di grande importanza militare. Come tale, ricadrebbe sotto la giurisdizione delle “più importanti agenzie di intelligence militare con fondi in nero”.
Bergrun ha presentato le sue scoperte in un libro, Ring-Makers of Saturn (1986) che contiene la fotografia fatta dal Voyager a questo enorme veicolo spaziale in orbita negli anelli di Saturno.

Redazione Segnidalcielo

[ot-video][/ot-video]

[ot-video][/ot-video]

riferimenti: link

SHARE
RELATED POSTS
Astronomo di Harvard insiste che “Oumuamua” è una nave spaziale inviata dagli Alieni
Canada: escursionisti avvistano e riprendono un Bigfoot nelle foreste della British Columbia
Avvistamento UFO nel Parco Naturale di Bardenas Reales, Spagna

Comments are closed.