Home UFO Australia: misteriose “spirali” avvistate dai satelliti meteorologici

Australia: misteriose “spirali” avvistate dai satelliti meteorologici

3
0

Gli esperti meteo non sanno ancora di cosa si tratta, ma i satelliti meteorologici li hanno registrati. Si tratta di “anelli” o “spirali” che compaiono da ovest a sud-ovest dell’Australia. Uno di questi “anelli” comparve qualche anno fa, esattamente il 15 gennaio 2010. Era enorme e concentrico, aveva un diametro compreso tra i 200 e i 400 km e si spostava verso est, tra le città di Kalgoorlie e Boulder. Tuttavia anche se non ci sono nuvole e il tempo non è perturbato, gli esperti avanzano l’ipotesi che potrebbero essere stati dei riflessi  dovuti a segnali radar. Ma tuttavia, queste ipotesi, sono state scartate da alcuni scienziati ed esperti meteo.

anomalia in australia

Questi anelli sarebbero quindi creati da una “propagazione anomala”, una sorta di Falsi echi o probabilmente anche polvere nell’atmosfera. Ma l’ultimo avvistato il 17 Febbraio sopra la città di Melbourne (Australia), non sembra affatto essere una propagazione anomala.

Mysterious rings423 Feb. 18

Mysterious rings421 Feb. 18

Il misterioso cerchio aveva un diametro molto simile a quello avvistato nel 2010 tra le città di  Kalgoorlie e Boulder, quindi compreso tra i 200 e 300 km, ma nel momento della sua comparsa, questo non si è mosso, rimanendo stazionario per un breve lasso di tempo sopra Melbourne.

Mysterious rings422 Feb. 18
Lo scienziato ed esperto meteo Randy Cerveny, ha dichiarato che queste anomalie riguiardanti la comparsa dei cerchi misteriosi, non è da correlarsi con HAARP o con emissioni onde dei Radar (oppure da falsi eco)

Il video della registrazione fatta dal radar meteo e Radar-Doppler,  non convince gli scienziati sulla natura di questi cerchi misteriosi. Alcuni ricercatori avanzano una ipotesi incredibile ma possibile. Si tratterebbe di aperture spazio-temporali, molto simili a “singolarità” che avvengono spesso sul nostro pianeta. Rammentiamo che la NASA, ente spaziale americano, ha dato mandato all’Università dello Iowa per ultimare i lavori di un progetto per la costruzione di un veicolo spaziale, per dare la caccia ai portali magnetici nascosti, portali che si troverebbero nelle vicinanze della Terra e sulla Terra e che potrebbero portare alle anomalie riscontrate nei transponder di molti aerei civili e militari, ma anche dai satelliti meteo e doppler radar.

Redazione Segnidalcielo

———————————-