Allerta Globale Minacce dallo Spazio

Astrofisico inglese avverte: “la Terra potrebbe essere spazzata via da una pioggia di Asteroidi”

Un astrofisico, molto rispettato negli ambienti scientifici, ha avvertito che la Terra potrebbe essere spazzata via da uno o più asteroidi. Al fine di evitare che si possa andare incontro ad un evento così catastrofico, i governi di tutto il mondo dovrebbero unirsi e spendere ‘centinaia di milioni di dollari’ ogni anno su un sistema di difesa globale contro la minaccia degli Asteroidi.

Nella storia lontana della Terra, asteroidi e comete hanno impattato sul nostro pianeta innumerevoli volte, e questa minaccia è ancora presente. L’ultimo ‘primario’ impatto con un asteroide si è verificato il 15 febbraio 2013 a Chelyabinsk, in Russia. L’impatto aveva ferito circa 1500 persone e lesionato moltissimi edifici industriali, scuole e abitazioni. E ‘stato il secondo più intenso evento meteorico in Russia dopo l’evento di Tunguska nel 1908 che ha distrutto più di 2.000 chilometri quadrati di tundra siberiana.

Immagine correlata

Nel corso di una conferenza stampa a Lussemburgo, durante il World Asteroid Day, il Dr. Martin Rees, astronomo reale britannico, ha detto che gli esseri umani sono ‘vulnerabili agli impatti provenienti dall’esterno, ovvero dallo spazio.’

IL World Asteroid Day è un evento promosso e organizzato dalle Nazioni Unite, che hanno voluto mettere insieme un gruppo di esperti astroifisici per affrontare il probelma e aumentare la consapevolezza circa il pericolo degli asteroidi. Il World Asteroid Day h avuto inizio nel 2014, ed è tenuto in occasione dell’evento di Tunguska del 1908 in Siberia, l’asteroide più grande che ha ‘impattato’ sulla Terra nella storia recente.  Secondo Lord Rees, un duplice approccio è necessario per garantire al nostro mondo, come si potrebbe sopravvivere ad una collisione di asteroidi – e l’unico modo per difenderci è un migliore sistema di rilevazione e un sistema di deflessione.

Immagine correlata

“Credo che siamo tutti consapevoli che il problema attuale che abbiamo sul pianeta terra, è che siamo vulnerabili agli impatti provenienti dall’esterno, ovvero dallo spazio. La storia ci parla chiaramente. Quello che conosciamo degli eventi passati come Tunguska o Chelyabinsk, ci fanno comprendere ciò che è successo in passato. Serve un programma concreto a breve termine e vale la pena pagare adesso al fine di ridurre il rischio di impatti con Asteroidi. Solo al pensiero di ciò che potrebbe accadere, basterebbe concentrarci tutti, unire le forze e stanziare  una cifra di diverse centinaia di milioni di euro l’ anno – in modo che il mondo sia in grado di spendere per ridurre questo rischio”, ha detto Lord Rees.

Secondo Lord Rees, se implementiamo un sistema di rilevamento migliore, in combinazione con un sistema di deflessione efficace, il nostro pianeta sarebbe meno vulnerabile alle minacce cosmiche come le comete o impatti di asteroidi.

Risultati immagini per asteroid deflection, impacts

“Sappiamo che gli asteroidi pongono rischi per la Terra e i recenti progressi nella tecnologia dei sensori di rilevazione, hanno radicalmente migliorato la nostra capacità di rilevare e deviare questi oggetti vicini alla Terra”, ha aggiunto Rees.

È interessante notare che questa non è la prima volta che gli esperti hanno avvertito dei pericoli di Asteroidi e Comete che potrebbero impattare sulla Terra. In passato, John Holdren direttore dell’Ufficio della Scienza e della Tecnologia (NASA) ha detto che un impatto potrebbe “fare molti danni alla Terra.” Quindi le Nazioni Unite dovrebbero ascoltare ciò che gli astrofisici suggeriscono in materia di difesa spaziale. Ora abbiamo un nemico in comunte e sono gli Asteroidi e le Comete.

a cura della Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Due asteroidi “potenzialmente pericolosi” potrebbero passare molto vicino alla Terra
La Russia vuole costruire un ” Bombardiere Spaziale Nucleare” capace di colpire qualunque nazione
L’Asteroide 2012 TC4 si avvicinerà alla Terra il 12 Ottobre 2017. La NASA pronta a testare la rete di “difesa planetaria”

Comments are closed.