Planet X Nibiru

Antico sigillo Sumero potrebbe rivelare l’esistenza del pianeta NIBIRU

Esiste un’antico sigillo cilindrico sumero, che si ritiene abbia circa 4.500 anni e che sembra raffigurare il nostro Sole insieme a dodici pianeti all’interno del nostro Sistema Solare. Il sigillo sumero, chiamato VA/243, è un sigillo accadico del III millennio a.C., oggi conservato al Vorderasiatische Abteilung,  del Museo di Stato di Berlino e che sembra mostrare il misterioso pianeta NIBIRU.

Risultati immagini per VA/243

Osservando con attenzione il  sigillo, si nota, oltre alle tre figure, una stella circondata da undici piccoli cerchi di varie dimensioni. Secondo Zecharia Sitchin, esperto di archeologia misteriosa scomparso nel 2010,  quella al centro rappresenta il nostro Sole mentre gli undici tondi sono i nove pianeti classici, la nostra luna, e il misterioso Pianeta X, che poi tutti chiamano Nibiru. Sitchin descrive il sigillo, come “una vera e propria lezione di astronomia, sostenuta dal principale dio sumero “Anu”, agli uomini e ai suoi scribi“.

Risultati immagini per nibiru, crop circle

anche nel crop circle di Santena (TO) ritroviamo un sistema stellare quasi identico a quello impresso nel sigillo sumero

Due teorie a confronto

Sitchin afferma che in corrispondenza della fascia principale degli asteroidi del sistema solare, si sarebbe trovato anticamente un pianeta  che i Sumeri chiamavano Tiamat e i Babilonesi Marduk. Questo corpo celeste si sarebbe scontrato con il pianeta Nibiru, dimora degli Dei Sumeri.  Dalla disastrosa collisione tra Tiamat e Nibiru, narrata  nel poema sumero-babilonese Enuma Elish, sarebbe nata la Terra , spinta poi  nella sua orbita attuale da una perturbazione gravitazionale di Nibiru, e la attuale fascia degli asteroidi.

Questa interpretazione di Sitchin ha portato a un gran numero di critiche:  Michael S. Heiser, studioso biblico cristiano,è convinto invece, che i presunti pianeti identificati da Sitchin non sono pianeti, ma altre stelle: Heiser sostiene inoltre che non vi è alcuna prova che suggerisca che i Sumeri conoscessero più di cinque pianeti nel nostro sistema solare.

Il confronto tra Sitchin ed Heiser fa riflettere in ogni caso su questo antico manufatto sumero : forse nessuno di loro è corretto nelle loro interpretazioni.  Anche se Heiser sostiene che la stella nel mezzo NON è la nostra stella, ma un’altra stella, perché il creatore del sigillo non ha raffigurato le altre stelle,  proprio come ha raffigurato quella nel mezzo.

Domanda,  perchè la stella nel mezzo, è rappresentata da un corpo più grande rispetto agli altri corpi celesti? Oppure.. Se tutti corpi celesti sono stelle, come dice Heiser, allora perchè quello raffigurato al centro ha caratteristiche simili al Sole come i raggi?

Forse in questa storia, manca qualcosa.. Tuttavia, se gli oggetti misteriosi raffigurati sul sigillo cilindrico sono in realtà dei pianeti, come è possibile che gli antichi Sumeri conoscessero il nostro sistema solare completo nel 3 ° millennio aC? Non solo, ma come hanno fatto a sapere le loro dimensioni approssimative? Questo spinge la persona intelligente, ad andare oltre: da dove i Sumeri hanno ottenuto questa conoscenza?

Massimo Fratini

Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Il Sistema Solare invaso da una stella aliena 700 mila anni fa, al tempo dei Neanderthal
Meteorite in Russia: l’onda d’urto dell’esplosione ha trasmesso onde subsoniche su tutto il pianeta
Misterioso “oggetto sferico gigante” diventa visibile in prossimità del Sole

Comments are closed.