Anomalie Spaziali Earth Changes Planet X Nibiru

PLANET X: Gigantesca parete al Plasma si manifesta sul Sole. Anomalia solare dovuta alla penetrazione di una Stella Binaria?

Astronomi di tutto il mondo sono con gli occhi puntati sul lato sud-est del Sole, dove da pochi giorni (4 Aprile 2018) si è manifestata  una enorme prominenza di plasma caldo. La gigantesca parete al plasma in altezza supera i 40 mila chilometri e rimane fissata sulla superficie della stella. Questo è un mistero e gli astronomi non si aspettavano o immaginavano una cosa del genere. La parete plasmatica potrebbe contenere tre pianeti simili alla Terra, quindi molto grande in scala  e nessuno sa di ciò che sta accadendo sul Sole.

Le straordinarie dimensioni del plasma caldo consentono a tutti gli astronomi-fotografi di fare moltissime fotografie di buona qualità di una struttura insolita.

Come mostrano le fotografie ottenute da vari osservatori astronomici, si può concludere che il muro di plasma caldo cambia molto rapidamente nel tempo. L’osservazione di tali strani fenomeni sul Sole consente agli specialisti di fare previsioni per il prossimo futuro sullo stato degli oggetti spaziali nello spazio illimitato del nostro sistema solare. Ma certamente questa è una anomalia solare mai registrata prima. 

Anomalie solari dovute a una misteriosa “perturbazione gravitazionale”

L’astronomo Gilles Couture dell’Università del Quebec a Montreal (Canada) ha ammesso che in passato c’è stata la penetrazione nel sistema solare di una seconda stella. La penetrazione a breve termine nel sistema solare della stella, che è due o tre volte più piccola del Sole (Nana Rossa?)  si muove ad una velocità di 100 chilometri al secondo, avrebbe portato a cambiamenti anomali nell’eccentricità  dell’orbita di un corpo celeste situato nella regione della cintura di Kuiper dietro l’orbita di Nettuno. Questo corpo celeste si presume sia Planet X che secondo l’astronomo Gilles Couture sarebbe 16 volte più grande della Terra e non 10 volte come avevano ipotizzato i ricercatori della Caltech University.

Risultati immagini per nemesis star

A tali conclusioni l’astronomo è venuto grazie a modelli effettuati con ricostruzioni grazie a software del computer. La ricerca dello scienziato mostra che i parametri osservati delle traiettorie degli oggetti trans-neptuniani (situati oltre l’orbita di Nettuno) possono essere spiegati dalla perturbazione gravitazionale della stella vagante (Nemesis) ma non della possibile presenza del nono pianeta o Planet X. La stella oscura (Nemesis) che ha penetrato il nostro sistema solare nel passato, crea una forte perturbazione gravitazionale che spinge comete, asteroidi e altri corpi celesti verso la parte interna del sistema solare. Questa stella oscura crea una perturbazione gravitazionale che influenza il Sole e i pianeti del sistema solare.

Risultati immagini per Nemesis, Sun

Ultimamente, grazie alle osservazioni del telescopio Kepler, un team di scienziati ungheresi ha registrato alcuni cambi di direzione di questi corpi celesti che vengono spinti da una misteriosa forza gravitazionale che li devia dalle loro orbite nella zona di Kuiper. Il team di astronomi guidato da Robert Szabo, non capiscono i motivi del cambio direzionale di questi corpi celesti, che sono un potenziale pericolo per la Terra.

Come scienziato – dichiara il Dr. Szabo – sulla base dei dati sulla natura del moto di asteroidi oltre Nettuno, siamo stati in grado di confermare l’ipotesi dell’esistenza di un certo movimento del meccanismo di questi piccoli corpi celesti dalla periferia del sistema solare e successivamente abbiamo studiato gli asteroidi della fascia interna tra Marte e Giove, quindi quelli del cerchio interno.” E’ stato notato che questi macigni spaziali, sia nella fascia di Kuiper che nella fascia interna tra Marte e Giove si sono mossi e cambiato direzione da poco tempo, forse per una perturbazione gravitazionale dovuta alla presenza di qualcosa di insolito che sta girando nella parte esterna, ai confini del sistema solare, forse un pianeta sconosciuto ma molto grande, o forse il transito di una stella che perturba questa fascia di asteroidi e la nostra stella”.

La perturbazione gravitazionale della stella oscura e la presenza di un massiccio pianeta (Planet X), potrebbe causare anomalie climatiche e magnetiche nei pianeti del sistema solare. Ad esempio sulla Terra si stanno manifestando moltissimi terremoti e eruzioni vulcaniche, con grosse fenditure continentali africane e movimento delle placche tettoniche, per non parlare delle anomalie sugli oceani.

A cura della Redazione Segnidalcielo

© Copyright Segnidalcielo Web Magazine 2018

SHARE
RELATED POSTS
La NASA annuncia: 70 Asteroidi passerranno vicino alla Terra entro la fine di Febbraio 2015
Planet X e Blu Kachina (Parte 1 di 3) – La “Luna Blu” che illuminerà la notte
Fukushima, a 5 Km dalla centrale nucleare “radiazioni superiori 100 volte” a quelle di Tokyo

Comments are closed.