Home Anomalie Spaziali Allarme per l’impatto della cometa C/2013 A1 su Marte! Per gli scienziati...

Allarme per l’impatto della cometa C/2013 A1 su Marte! Per gli scienziati Russi potrebbero esserci conseguenze disastrose per la Terra

81
0

Come pubblicato dall’ANSA, il telescopio spaziale Hubble ha catturato nuove preziosissime immagini della cometa Siding Spring che il prossimo 19 ottobre sfiorerà Marte: nel momento di massimo avvicinamento si troverà a meno di 140.000 chilometri dal Pianeta Rosso, neanche la metà della distanza che separa la Terra dalla Luna.

cometa-marte-2

Al momento sembra escluso il rischio di impatto, ma preoccupano gli effetti che potrebbero avere le polveri della cometa sui rover e sulle sonde delle missioni di Nasa e Agenzia spaziale europea (Esa). Proprio le immagini catturate da Hubble potrebbero rivelarsi molto utili per valutare tutti i rischi di questo passaggio ravvicinato da brivido. La più recente risale allo scorso 11 marzo, quando la cometa Siding Spring (il cui vero nome è C/2013 A1) si trovava a circa 588 milioni di chilometri dalla Terra.

cometa-marte-colisao

Gli astronomi russi avvertono: “Cometa prossima ad impatto su Marte”

L’allerta proviene dagli astronomi dell’Agenzia Spaziale Federale della Russia (ROSCOSMOS) ed è stato già allertato anche il presidente, Vladimir Putin. Gli esperti russi, ritengono molto probabile la possibilità di una collisione tra la cometa Siding Spring e Marte, tanto da consigliare l’attivazione delle difese spaziali della federazione e rendere operativi i 5 mila rifugi destinati alla popolazione civile.

Marte-e-cometa

The comet of 2014 makes a close approach to Mars and puts on a spectacular show for the Opportunity Mars Exploration Rover.

L’allerta degli astronomi russi, è motivata dal fatto che l’impatto della cometa con Marte, genererebbe una detonazione pari a 20 miliardi di megatoni di tritolo, con un cratere dal diametro di 500 chilometri e la possibilità quindi di scaraventare nello spazio un enorme cumulo di detriti, i quali comincerebbero a precipitare verso il Sole, attraversando l’orbita della Terra, con frammenti che potrebbero essere piccoli come un’automobile, ma anche grandi quanto un campo di calcio.

Redazione Segnidalcielo

———————————-

tratto da:

link

link