Cambiamenti Climatici Earth Changes

Allarme per il Riscaldamento degli Oceani, superiore del 13% in più e continua ad accelerare!

“Il riscaldamento delle acque marine supera del 13% i calcoli previsti e continua ad accelerare”, dice John Abraham, un giornalista del quotidiano The Guardian e uno degli autori della ricerca pubblicata Venerdì 10 Marzo 2017 sulla rivista Science.  John dopo una indagine fatta con una squadra scientifica, ha presentato le stime dell’aumento delle temperature del mare tra il 1960 e il 2015. I risultati sono abbastanza inquietanti, dove i tassi di riscaldamento globale dal 1992 ad oggi sono quasi il doppio,  superiore anche quelle del 1960, dice Abraham, che avverte che negli anni ’90 il processo ha iniziato a influire sulle acque di circa 700 metri di profondità.

Immagine correlata

Altri risultati della squadra mostrano che gli oceani del sud hanno sperimentato un enorme calore dove l’Oceano Atlantico e Indiano hanno appena iniziato a soffrire di questo processo di recente. Abraham sottolinea che la conoscenza degli scienziati circa l’aumento delle temperature del mare, fornisce una base per la teoria secondo la quale il processo è dovuto essenzialmente alle attività umane. Si sostiene inoltre che i risultati potrebbero avere “gravi conseguenze” per l’intero pianeta.

Zone Morte

La diminuzione del livello di ossigeno negli oceani è considerato come un altro effetto negativo causato dall’aumento della temperatura negli ultimi 50 anni, e che a sua volta è il risultato di diversi fattori quali la costante emissione di gas serra nell’atmosfera.

Così, uno studio condotto da un gruppo di esperti tedeschi del Centro Ricerche Oceanografiche di Helmholtz  (GEOMAR) e l’Università di Kiel, ha analizzato i dati raccolti del livello di ossigeno negli ultimi cinque decenni. I risultati, che sono stati pubblicati sulla rivista ‘Nature’, riflettono un calo del 2% nel livello di ossigeno negli oceani, che è appunto di vitale importanza.

Questo può non sembrare una quantità significativa, ma è pari a circa 80.000 milioni di tonnellate di ossigeno, una cifra considerata dagli esperti come sufficiente ad alterare gli ecosistemi e creare “zone morte” nei nostri oceani . Così il numero delle regioni con assoluta mancanza di ossigeno nelle profondità degli oceani è quadruplicato nell’ultimo mezzo secolo.

Redazione Segnidalcielo

Nel video che segue, gli effetti del Global Warming, dello scioglimento dei ghiacci e dell’innalzamento del livello dei mari.

SHARE
RELATED POSTS
Asteroide DA14: ha sfiorato la Terra alla velocità di 28 mila km l’ora
Gli Stati Uniti avvertono la Romania per l’arrivo di un terremoto distruttivo
Spagna: spettacolare video mostra trombe marine sulla costa di Villajoyosa

Comments are closed.