Home Planet X Nibiru Allarme dallo Spazio: il meteorite di Chelyabinsk fa parte di una famiglia...

Allarme dallo Spazio: il meteorite di Chelyabinsk fa parte di una famiglia di altri asteroidi pericolosi per la Terra

60
0

Il meteorite Chelyabinsk che ha colpito la Russia nel mese di febbraio, ferendo più di mille persone, può provenire da un massiccio ammasso di rocce che si è staccato da un asteroide di enormi proporzioni,  disgregandosi migliaia di anni fa. Questo è quello che viene affermato in un nuovo studio scientifico.

Astronomi spagnoli hanno scoperto che il bolide di Chelyabinsk, di 18 metri di larghezza per 11.000 tonnellate di peso, è una space rock che scoppiò in una esplosione di 460 kilotoni sopra la Russia, ma che faceva parte di un corpo più grande che viaggiava nello spazio. Gli scienziati ritengono che tra 20.000 e 40.000 anni fa, un corpo massiccio orbitante intorno al nostro Sole si sciolse, molto probabilmente a causa delle temperature estreme e per via della gravitazione planetaria, effettuò per effetto fionda, un viaggio che lo portò fuori oltre Marte e Venere. Successivamente, i pezzi di questo asteroide che formano una cosiddetta ‘famiglia asteroide‘, un gruppo di asteroidi che condividono la stessa origine, la composizione e l’orbita. Il padre di questa famiglia di asteroidi potenzialmente pericolosi è stato identificato come 2011 EO40.

Queste rocce sono ancora in volo da qualche parte nello spazio e proprio come il meteorite di Chelyabinsk, le loro orbite potrebbero intersecarsi con quello della Terra causando altri impatti imprevedibili. 

In un nuovo studio, Carlos de la Fuente Marcos e suo fratello Raul che lavorano presso l’Università Complutense di Madrid,  hanno detto di aver trovato l’evidenza statistica affidabile per l’esistenza del cluster Chelyabinsk, o famiglia di asteroidi. I due fratelli utilizzato simulazioni al computer di miliardi di possibili orbite di asteroidi per trovare quelli più idonei per il dispositivo di simulazione orbita pre-collisione Chelyabinsk. Hanno poi perquisito il database della NASA di asteroidi conosciuti per scoprire se qualcuno di loro seguono queste orbite. Nel corso delle loro indagini, hanno individuato la famiglia del bolide di Chelyabinsk che è formata da circa 20 asteroidi, che variano nelle grandezze da 5 a 200 metri di diametro.

“Sembra di includere più piccoli asteroidi e due relativamente grandi: BD7 2007 e 2011 EO40 La madre di tutti è più probabile per il super bolide Chelyabinsk è [asteroide] 2011 EO40 “, questo secondo il loro articolo, che sarà pubblicato questo mese su Avvisi della Royal Astronomical Society: Letters

Lo studio sottolinea che i frammenti di un asteroide possono diffondersi lungo tutta l’orbita dell’asteroide madre, rendendo la loro collisione con la Terra possibile su una scala temporale di centinaia di anni. I due scienziati spagnoli ammettono che le orbite della famiglia asteroide del bolide Chelyabinsk,  non sono state calcolate in via definitiva e non vi è spazio per il dibattito sul fatto che sono una ‘famiglia’. I ricercatori spagnoli hanno anche detto che l’attrazione gravitazionale dei pianeti possono influenzare i percorsi di altre rocce del cluster spaziel in modo leggermente diverso, quindi, anche se le orbite di questi oggetti sembrano inizialmente simili, potrebbero radicalmente cambiare la loro linea, illoro percorso. Eppure, Carlos de la Fuente Marcos avverte, “altri oggetti con la stessa firma orbitale possono incontrare il nostro pianeta in futuro, ma non sappiamo quando “.

Con un diametro di circa 200 metri, 2011 EO40 è già stato etichettato come un asteroide potenzialmente pericoloso (PHA) dal Minor Planet Center (MPC). E ‘stato classificato come un pericolo per la Terra al momento della sua scoperta nel 2011. Finora la sua orbita non è stata calcolata interamente, essendo modellata su soli 34 giorni di osservazioni, che, di solito ci vogliono anni di follow-up di un oggetto spaziale per conoscerne la traiettoria con certezza. 

Jorge Zuluaga che lavora presso l’Università di Antioquia in Colombia ha dei dubbi se 2011 EO40 è infatti il padre della meteora Chelyabinsk e non è preoccupato per la creazione di ulteriori impatti. “Non penso che questo particolare asteroide è più pericoloso di altri nella lista MPC “, ha detto Zuluaga, aggiungendo che l’asteroide non è in rotta di collisione diretta con la Terra in ogni caso. 

Davide Nesvorny del Southwest Research Institute di Boulder Colorado era anche scettico di un legame preciso. “E ‘ non ovvio per me perché [la meteora Chelyabinsk] non può essere un frammento che è stato prodotto da una collisione nella fascia principale degli asteroidi, e si è evoluta la sua orbita di impatto di alcuni incontri planetari “, ha detto alla rivista Nature. sarebbero necessari ulteriori test per confermare se il 2011 EO40 sia la roccia madre di Chelyabinsk. L’invio di una sonda nello spazio per riportare campioni è l’unico modo per essere completamente sicuri. Altro più economico metodo è quello che vede il modo di analizzare il rimbalzo della luce fuori di esso e raccogliere la sua composizione di frammenti del meteorite che ha colpito la Russia.

A cura della Redazione Segnidalcielo

riferimenti articolo: link