UFO

Alieno di Roswell: “non si tratta del corpo di un alieno ma di una mummia ritrovata nel 1894”

L’ufologo Jaime Maussan il 5 Maggio 2015, ha presentato al mondo, nel corso di una conferenza stampa tenutasi presso il National Auditorium di Città del Messico, una foto inedita che raffigura un alieno nella sua interezza. Secondo il giornalista messicano, lo scatto risalirebbe,  agli anni fra il 1947 e il 1949, durante lo schianto di un UFO e il presunto recupero di materiali extraterrestri, tra cui cadaveri alieni, da parte dei militari statunitensi a Roswell.

Jaime Maussan ha spiegato che queste immagini, ritrovate in una soffitta in Arizona, e su cui sono stati condotti studi per 5 anni, sono autentiche e dimostrano che esiste una vita extraterrestre. Le foto sono state scattate da Bernard A. Ray, un ex geologo, e conservate nella sua soffitta per più di 50 anni prima di essere trovate nel 1998, dopo la sua morte.

 

maussan2

maussan3

Molti dubbi e critiche hanno invaso i social e tutte le comunità di appassionati del Mistero riguardo l’immagine del presunto alieno.  Il colpo di scena arriva dopo l’incasso di circa 400 mila dollari per le entrate riguardanti l’evento occorso il 5 Maggio 2015, definito come il giorno in cui viene mostrata  “la prova più importante nella storia dell’investigazione sugli Ufo”.

Come scrive il giornalista e investigatore UFO italiano Ivan Ceci, qualcuno sta cominciando a chiedere scusa per la triste vicenda di questi giorni.

Anthony Bragalia, un investigatore UFO che da anni sostiene l’autenticità delle foto del presunto alieno mostrate da Maussan lo scorso 5 maggio,  ha pubblicato poco fa un articolo in cui chiede pubblicamente scusa per quello che lui definisce “un caso di errore di identità”.

Alien Roswell Slides257

Bragalia nell’articolo conferma che NON si tratta del corpo di un alieno ma di una mummia ritrovata nel 1894 e donata dal padre di un certo S.L. Palmer Jr. al Park Museum di San Francisco nel 1938.
Come parziale risarcimento per quanto accaduto, Bragalia sostiene che farà una donazione ad un fondo di beneficienza per i bambini nativi americani. Lo stesso Ivan Ceci,  in questi giorni aveva scritto privatamente al giornalista Jaime Maussan, chidendo di donare i proventi, le entrate relative ai biglietti on-line acquistati per l’evento occorso il 5 Maggio 2015.

Forse stiamo sulla strada giusta, dopo la enorme figuraccia fatta da tutti i ricercatori che hanno portato avanti questa storia, spacciando una mummia per l’Alieno di Roswell, appare chiara la situazione dell’eccessivo  business che era stato orchestrato attorno ad una diapositiva e altre immagini elaborate, che dovevano dimostrare l’esistenza di un corpo alieno sulla Terra.

Alien Roswell Slides254

Alien Roswell Slides255

Questo evento ha lasciato  dubbi e incertezze non solo sull’attendibilità della fotografia, ma anche sull’operato di certi investigatori che pur di fare soldi,  (prendendo in giro la comunità internazionale di appassionati UFO e di Ufologi seri) non hanno dato un vero e reale contributo, per la battaglia portata avanti da secoli  contro il Cover-Up sugli UFO e gli Extraterrestri,. Anzi tutto questo diventerà la barzelletta e la “pagliacciata” del secolo, dando la possibilità agli scettici e disinformatori, di continuare a screditare testimoni e testimonianze reali e sincere. Tutto questo segue di pari passo, le orme di ciò  che accadde in passato,  con la falsa autopsia dell’alieno di Ray Santilli. Vero!!… veritas vincit (“truth prevails”) la verità trionfa!!

Leggete l’articolo Anthony Bragalia sull’errore di identità e le conseguenti scuse.

http://ufocon.blogspot.com.es/2015/05/the-roswell-alien-slides-and-my-apology_10.html

Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Mar dei Caraibi, un Disco Volante sorvola le Isole Barbados mostrando i segni di una tecnologia sconosciuta!
MARTE, misteriose strutture scoperte nella parte meridionale della superficie marziana
Scienziati della NASA confermano: il Volto di Cydonia e la Piramide su Marte sono “reali”

Comments are closed.