Home UFO Aggiornamento sulle Mummie di Nazca a tre dita. Le “UOVA” di una...

Aggiornamento sulle Mummie di Nazca a tre dita. Le “UOVA” di una delle mummie mostrano alcune strutture all’interno!!

3725
0

Nuove e migliori TAC in 3D sono state condotte a Lima, in Perù. Soprattutto sull’umanoide tridattilo lungo 60 cm chiamato “Josefina” che non solo ha 3 dita nelle mani e nei piedi, ma anche quelle che sembrano essere tre uova all’interno del suo addome. Come un umanoide rettile. Le tomografie da 128 tagli per pollice quadrato mostrano che i tessuti molli sono collegati. Le “uova” mostrano anche alcune strutture non identificate all’interno. Potrebbero essere embrioni alieni?

Gli esemplari vengono conservati e studiati nell’Universidad Nacional San Luis Gonzaga situata nella città costiera di Ica, in Perù. Tuttavia, il Ministero della Cultura vuole confiscarli. Prima dicevano che le mummie non facevano parte del patrimonio nazionale e ora dicono che lo sono. Fin dall’inizio, erano contrari alla possibilità che questi corpi (trovati dai tombaroli) fossero una scoperta unica, sebbene fossero stati invitati più volte a partecipare alle indagini. 

Hanno anche analizzato altri campioni che probabilmente erano falsi e generalizzati contro tutti gli esemplari. Mi ricorda l’atteggiamento anti-UFO (ormai in declino) che è presente in tutte le istituzioni moderne di tutto il mondo.

Ovviamente la maggior parte degli scienziati (antropologi e archeologi scettici) associati a questo Ministero affermano che le mummie sono falsi evidenti o che sono state assemblate con materiali moderni o utilizzando antiche ossa umane e animali. Ma c’è anche una buona prova scientifica che almeno alcuni di loro sono autentici ed erano esseri viventi che sono vissuti molti secoli fa. Resta da scoprire se fossero specie sconosciute, ibridi umano-ET o ET.

Anche se i resti non sono facilmente associabili a un particolare sito archeologico o a una cultura antica, i campioni fisici possono indicare un’anomalia biologica.

Un recente test condotto dall’università è stato quello di inserire un ago sottile in una delle presunte uova ed è passato attraverso anche se inizialmente il tessuto era molto duro. È stato estratto quindi del materiale e si cercherà di scoprire se è stato o sarà testato.

Un evento interessante che continua ad accadere è l’energia che esce dalla parte centrale dell’impianto toracico di Josefina. Se non è collegato a un “artefatto” naturale o effetto dell’interazione tra raggi X e metalli (normalmente chiamato fenomeno di artefatto da raggi x che colpiscono il metallo)ma che  potrebbe essere anomalo.

Un evento interessante che continua ad accadere è l’energia che esce dalla parte centrale dell’impianto toracico di Josefina

La prima immagine è recente. La seconda, la terza e la quarta sono state scattate prima della pandemia di COVID. Inoltre, la parte centrale dell’enigmatico “impianto” sembra avere una struttura interna. Gli autori delle ricerca che cercavano di misurare le anomalie energetiche vicino alla più grande (e più umana) mummia a tre dita “Maria”, conservata per ulteriori indagini nell’Universidad Nacional San Luis Gonzaga, ha trovato contro molti funzionari governativi e persino l’opposizione interna di archeologi e altri scienziati – ma si sta giustamente cercando di arrivare alla verità.

Massimo F.

Redazione Segnidalcielo