Disastri Ambientali Earth Changes

Africa, gigantesca crepa si è formata nella contea di Narok, in Kenya. Geologi: “fenomeno che potrebbe dividere in due il continente africano”

Una gigantesca crepa che si è formata nella contea di Narok, in Kenya, ha attirato l’attenzione dei geologi, i quali affermano che  si tratta di un fenomeno che sta avvenendo lentamente , e che potrebbe dividere il continente africano in due parti. 
Come rivelato dal sito di IFL Science, è probabile che le forti piogge che si sono verificate negli ultimi mesi abbiano avuto a che fare con la formazione di questo crack di circa 15-20 metri di profondità e larga 20 metri.

Immagine correlata

Questo processo cominciò a diventare evidente nel 2005 , quando, dopo l’eruzione del vulcano Dabbahu, in Etiopia, una colossale fenditura di 70 metri di lunghezza apparve nella zona del corno d’Africa. Secondo le previsioni degli scienziati, quello che finirà per accadere è che, in circa dieci milioni di anni, un nuovo oceano apparirà in questa zona.

Risultati immagini per Suswa Rift Kenya is splitting

Risultati immagini per Suswa Rift Kenya is splitting

Risultati immagini per Suswa Rift Kenya is splitting

Questo darà origine a un nuovo continente al quale è stato dato il nome di piatto etiopico, dal momento che una parte dell’Africa sarà tagliata fuori dal resto.  La rottura del continente si sta verificando ad un ritmo di pochi millimetri all’anno. La causa di questo fenomeno non è ancora nota con assoluta certezza, ma i geologi ritengono che ciò sia dovuto al fatto che alcune creste o pennacchi del mantello terrestre stanno emergendo in superficie.

A cura della Redazione Segnidalcielo

 

SHARE
RELATED POSTS
Gli animali sono in grado di prevedere le calamità naturali, lo affermano gli scienziati
Enorme “Anomalia d’Onda” catturata sulla mappa MIMIC proveniente dal Golfo del Messico (USA) e diretta verso l’isola di Ascension (UK)
Il Livello dei Mari cresce più in fretta. La causa è da imputare allo scioglimento dei ghiacci della Groenlandia e di una parte dell’Antartide

Comments are closed.