Cosa cambierebbe se dal momento in cui sei nato fino ad ora ti venisse insegnato che in qualche modo siamo tutti veramente connessi? E se una storia di interconnessione fosse il fondamento della tua visione del mondo, facendoti sapere che sei connesso alla terra, alle piante, agli animali, alle persone e all’universo in modi che potrebbero non essere così ovvi?  E se invece di vederci tutti come oggetti materiali separati l’uno dall’altro, ci vedessimo come frammenti di noi stessi e lo riconoscessimo veramente nel profondo del nostro essere? Bene, se sei cresciuto in una cultura indigena, probabilmente questa sarebbe già la tua visione del mondo. Ma ora stiamo vedendo questa comprensione farsi strada nella cultura occidentale e nel pensiero tradizionale.

Da un punto di vista scientifico, puoi pensare a questa interconnessione attraverso l’entanglement quantistico. L’entanglement quantistico si verifica quando due particelle, nel loro stato quantistico, sono separate l’una dall’altra, quando si fa qualcosa a una di esse l’altra fa esattamente la stessa cosa indipendentemente dalla distanza tra loro. Ad esempio, se dovessi separare le due particelle di 1000 miglia e “ruotare” una di esse, anche l’altra inizierà istantaneamente a ruotare allo stesso modo. Ciò suggerisce che le due particelle materiali, anche se separate e lontane l’una dall’altra, sono in qualche modo ancora interconnesse in un modo che non comprendiamo ancora del tutto.

In qualche modo siamo tutti Colllegati

Gli scienziati hanno fatto questi esperimenti molte volte e sono rimasti affascinati dalle possibili spiegazioni. Uno è che le informazioni potrebbero viaggiare molto più velocemente della velocità della luce, il che è una spiegazione che probabilmente interromperebbe la nostra attuale comprensione della meccanica classica. L’altro è che in qualche modo sono ancora collegati.

Nel 1965, i ritmi del cervello alfa venivano evocati in una coppia di gemelli identici come risultato dell’evocazione di questi ritmi in modo convenzionale esclusivamente nell’altra. Com’è possibile? In che modo i partecipanti ai programmi di visione a distanza del governo degli Stati Uniti vedono persone, luoghi e oggetti a centinaia di miglia di distanza con nient’altro che la loro mente? Come ha sottolineato l’Istituto cinese di energia atomica nel 1991,  in uno studio archiviato dalla CIA :

“Tali fenomeni e capacità paranormali del corpo umano sono inimmaginabili per la gente comune. Tuttavia sono davvero vere”.

Potrebbe essere possibile che ci sia qualche connessione profonda non immediatamente evidente per noi? Uno che forse non è riconosciuto nella nostra mente quotidiana, ma quando ci prendiamo il tempo per rallentare, calmarci e sentire, sembra presente? Le mie esperienze di visione remota e non-località attraverso la pratica mi dicono che la spiegazione materiale che queste “capacità” non sono possibili e in qualche modo un errore di osservazione o un pio desiderio semplicemente non lo taglia per me.

In effetti, personalmente non sono nemmeno sicuro di aver bisogno di sapere esattamente “come” funziona tutto, ma posso vedere il valore nell’esplorarlo per le risposte che potrebbe fornire alla nostra visione collettiva del mondo. Se potessi essere così audace, scommetto che anche i più grandi scettici su questi argomenti intuiscono nel profondo che c’è una verità in qualcosa di “non materiale” nella nostra realtà e che gli esseri umani sono direttamente collegati ad essa.

Detto questo credo sia utile avere dei dubbi. Può aiutarci a sfidare lo strappo al ginocchio e saltare a conclusioni tipo di pensiero che può correre dilagante alla ricerca di una certa spiegazione. Ma nella mia mente è anche molto importante non affermare semplicemente: “non abbiamo una spiegazione materiale e quindi è una sciocchezza”. Questo è l’errore fatale nel dogma religioso e scientifico che si verifica oggi. È una visione anti-scientifica che suggerisce che sappiamo già quasi tutto.

Cosa significa questo per noi?

Quello che vedo accadere qui è un cambiamento che sembra manifestarsi come un seme piantato da qualche parte nel nostro essere. Forse sono i semi piantati da esperimenti precedenti o forse è una pressione evolutiva all’interno della nostra coscienza per evolversi continuamente, forse entrambi! Ad ogni modo, qualcosa sta spingendo la nostra curiosità a continuare a porre domande in questo regno e, per gli scienziati che escono dalla struttura di incentivi del nostro attuale panorama scientifico, si stanno avventurando in un territorio affascinante.

È possibile che ci stiamo influenzando a vicenda in questo modo quantistico? Se é cosi, come? Influenziamo alcune cose e non altre? C’è una sorta di “permesso” che deve essere concesso per incidere su certe cose? Come potremmo saperlo? In che modo potremmo influenzare la natura, gli animali o il nostro pianeta? E gli altri pianeti? In che modo altri pianeti potrebbero influenzarci, o forse anche altre dimensioni? Tante domande curiose.

L’entanglement quantistico si verifica quando due particelle, nel loro stato quantistico, sono separate l’una dall’altra, quando si fa qualcosa a una di esse l’altra fa esattamente la stessa cosa indipendentemente dalla distanza tra loro.

 

Ma anche senza andare a domande così profonde, possiamo semplicemente chiederci: non è ovvio che abbiamo un impatto sulla nostra realtà semplicemente dalle decisioni e dalle azioni che intraprendiamo? Non riusciamo a vedere che anche se una decisione sembra avere effetto solo su di noi, è in realtà possibile che influisca su più persone, anche alcune per le generazioni a venire? Questo da solo non suggerisce una profonda interconnessione?

Cosa cambierebbe nel tuo processo decisionale quotidiano se dovessi considerare di essere connesso e di dover essere un amministratore responsabile della terra, degli animali, degli altri, delle comunità ecc? E se, come fanno molte culture indigene, ti chiedessi in che modo le tue decisioni e scelte potrebbero influenzare le persone fino a 7 generazioni dopo di te. Come potresti pensare e sentirlo fuori? Può essere difficile estendere la nostra coscienza a una visione del mondo del genere. Dopotutto, siamo stati educati a pensare e vedere il mondo attraverso una luce di separazione, qualsiasi altra cosa ci sembra estranea. In effetti, in gran parte della cultura occidentale siamo arrivati ​​a ridicolizzare e prendere in giro ciò che è al di fuori del regno del materiale. Ci prendiamo persino in giro all’idea di fare di più che prendersi cura di te stesso… proprio ora. Sei un hippy se pensi a 7 generazioni in profondità!

Ma potrebbe essere possibile un cambiamento nella nostra visione collettiva del mondo da una di separazione e competizione a una di interconnessione e collaborazione?

Penso di sì e mi sento così – lo so. Sta succedendo proprio davanti a noi. Certo, potrei avere qualche pregiudizio qui. Negli ultimi 15 anni ho creato aziende, media, film e contenuti educativi esplorando l’idea che la nostra visione collettiva del mondo stia effettivamente cambiando e che arriveremo continuamente a realizzare che siamo tutti molto più interconnessi di quanto pensiamo. Ma non sono il solo. Lo storico culturale ed ecoteologo Thomas Berry vedeva l’universo come una comunità di esseri e non come una raccolta di oggetti. La sua filosofia suggeriva un riconoscimento della connessione tra tutte le cose: una comunità connessa.

Naturalmente l’interconnessione è anche un nucleo centrale di molte visioni del mondo e modi di conoscere le Prime Nazioni. Come persone hanno la mentalità di essere consapevoli che tutto nel nostro mondo e universo è connesso. Questa mentalità rafforza il fatto che tutti e tutto hanno uno scopo, sono degni di rispetto e cura e hanno un posto nella vita. Come potremmo trattare il nostro mondo in modo diverso in Occidente se queste idee fossero radicate nella nostra cultura? Invece, il dominio su tutto e tutti è tipicamente ciò che guida la vita occidentale.

All’interno delle comunità delle Prime Nazioni, abbracciano l’idea di interconnessione attraverso un termine “Tutte le mie relazioni”. Questo li collega alle loro famiglie, comunità, antenati e futuri discendenti, alla terra e a tutta la vita vegetale e animale. Anche con questa diversa visione del mondo, queste culture mostrano una comprensione scientifica della terra, del clima, dei cicli delle stagioni, delle fonti medicinali e alimentari, della raccolta e della creazione di tutto ciò di cui hanno bisogno dall’abbondanza della natura.

Come puoi vedere, questa visione del mondo non è un’idea nuova, ma su cui potremmo tornare più collettivamente. Questo ovviamente è un processo su cui ognuno di noi può riflettere e abbracciare, invece di aspettare che un politico ci dica cosa pensare sulla possibile direzione del nostro mondo. Nuovi sistemi e modi di essere sono racchiusi in ognuno di noi, e non solo all’interno dei sistemi esterni che creiamo. Se non possiamo tenere dentro di noi nuovi mondi, come possiamo aspettarci che vengano creati?

Questa consapevolezza suggerisce che dobbiamo prendere parte attiva e impegnata nella creazione di un mondo migliore. Non deve essere nemmeno eccessivamente complicato. Esplora nuove idee, rifletti sul motivo per cui facciamo le cose che facciamo, chiediti se i nuovi modi di essere hanno più senso per te nel profondo e chiediti come puoi iniziare ad abbracciare quelle idee nella tua vita. Può essere scoraggiante cercare di “aggiustare” il mondo e chiedersi come si possa cambiare tutto in una volta sola. Per questo è meglio vedere le cose come una progressione, che inizia dentro di te.

Inizia da solo se ti senti o ti connetti in comunità attorno a nuove idee e impari a mantenerle in parti sempre maggiori all’interno della tua percezione. Potrebbe essere un po’ difficile in questo momento poiché molti intorno a te potrebbero non pensare in questo modo, ma le cose stanno cambiando e stanno cambiando rapidamente. Ricordo che 15 anni fa, quando ho iniziato a scrivere Collective Evolution, questo non era affatto un argomento di conversazione comune. Ora, è cresciuto così tanto che può essere difficile da credere. Anche se in superficie sembrano esserci pochi incentivi a pensare ed essere in questo modo, specialmente all’interno del nostro attuale gioco sociale, c’è molta bellezza e pace in esso.

E quando si tratta di scienza, sta avvenendo questa stessa evoluzione del pensiero. C’è una sorta di rinascita in cui molti scienziati si stanno aprendo allo studio della coscienza e dell’immateriale. Mentre la cultura pop e i media suggeriscono che ci sono molte ragioni per aver paura del nostro futuro, sono molto fiducioso e ottimista. Vedo accadere cose incredibili e tutto ciò che stiamo vivendo ora è un campanello d’allarme per iniziare ad abbracciare un nuovo modo di pensare e di essere. È un canale di nascita per un nuovo mondo e tu ne sei una parte fondamentale.

di Joe Martino

Autore di “Collective Evolution – Evoluzione collettiva”

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.