Gli scienziati hanno trovato nello spazio possibili “portali” verso regioni lontane dell’universo. Potrebbero essere dei buchi neri supermassicci al centro delle galassie. Lo riporta la rivista Royal Society . In teoria, un’astronave può passare attraverso tali portali o stargate.  Scienziati russi hanno scoperto che i buchi neri in galassie molto luminose possono essere gli ingressi a questi “portali” o “wormhole”. In teoria, un’astronave può passare attraverso tali portali. Tuttavia, sono circondati da intense radiazioni, che annullano le possibilità di sopravvivenza dell’equipaggio.

La somiglianza tra un wormhole e un buco nero è che hanno una gravità estremamente forte. Tuttavia, come credono gli scienziati, il corpo non può uscire dal buco nero, cadendo oltre l’orizzonte degli eventi, mentre il “wormhole” deve avere un’uscita da qualche altra parte nello spazio. Quindi, dicono gli esperti, la collisione di due corpi all’interno di un wormhole nelle immagini dallo spazio sembrerebbe un’esplosione. Cioè, il nucleo galattico attivo (AGN), che sembrava essere tale prima, potrebbe in effetti essere l’ingresso del “portale”. Il fisico russo Mikhail Piotrovich sottolinea che gli scienziati sanno ancora poco della struttura interna del “wormhole”. Inoltre, non sono nemmeno sicuri dell’esistenza di un tale fenomeno. Inoltre, l’oggetto più vicino simile ad esso si trova a 13 milioni di anni luce di distanza, quindi è improbabile che gli esseri umani siano in grado di raggiungerlo nel prossimo futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.