Di recente, la teoria del paleocontatto si è affermata sempre più ed è ancor più convincente: ci sono sempre più prove che le alte tecnologie un tempo esistessero già sul nostro pianeta. Gli scienziati giungono alla conclusione che gli oggetti raffigurati negli antichi affreschi o nelle pitture rupestri sono in realtà astronavi o aeroplani.

I vajra sono uno di questi misteriosi oggetti del passato: strani prodotti sopravvissuti fino ad oggi nella loro forma originale, a differenza di molte prove di paleocontatto scomparse nel corso dei millenni. Quest’arma era presente nelle culture assire e bizantine, tra i Sumeri, così come nell’antica epopea indiana. Vajra è fatto di metallo, poiché è un metallo che può essere un conduttore.

Astravidya – scienza divina

Alcuni reperti archeologici suggeriscono che i nostri lontani antenati combatterono non solo con spade e frecce. Perché le rovine della capitale dello stato ittita, la città di Hatgusas, sono fuse in misura maggiore di quanto avvenga durante un incendio? Perché ci sono tracce di qualche strano scioglimento sulle pareti di granito delle fortezze irlandesi di Dundalk ed Ecos?

Le ragioni di tale scioglimento sono ancora un mistero e i tentativi di una spiegazione, tipo un “enorme fulmine”, non sembrano convincenti. Forse dovremmo prestare attenzione ai numerosi riferimenti nel folklore mondiale delle armi “insolite”, “celesti”, “super potenti”? Forse le informazioni più interessanti e sistematizzate di questo tipo si trovano nell’antica letteratura indiana.

Ecco, ad esempio, come il Mahabharata descrive l’uso delle armi dei brahmashira:

… Poi Rama scoccò una freccia di forza non difensiva, Terribile, portando la morte…

Lanciata istantaneamente da Rama, una freccia lontana…

Ho acceso quel potente Rakshasa con una grande fiamma.

Una coppia di cavalli, un carro,

Era completamente avvolto dal fuoco…

E disintegrato in cinque nature fondamentali…

Le sue ossa, carne e sangue non reggevano più,

Bruciarono le loro armi… In modo che le ceneri non fossero visibili.

Non richiede nemmeno un’interpretazione “nucleare”. Per coloro che hanno familiarità con l’azione del napalm, una descrizione del genere non sembra surreale. Ma – il napalm nell’antica India?

Ci sono vari tipi di armi menzionate nel Mahabharata, compresi i superpotenti brahmadanda e brahmashira, che erano chiaramente radioattivi: uccidevano feti nelle donne e colpivano le persone per diverse generazioni. Ma considereremo solo un tipo di arma: il cosiddetto vajra.

Fulmine

Vajra in sanscrito ha diversi significati: “fulmine” e “diamante”. In Tibet si chiama dorje, in Giappone – kongose, in Cina – jin-ganshi, in Mongolia – ochir. È un importante oggetto rituale nell’induismo, nel buddismo e nel giainismo. Vajra è un simbolo di culto, come una croce per i cristiani o una mezzaluna per i musulmani. Fino ad ora, il vajra è usato in vari rituali e il Buddha è spesso raffigurato con esso nelle sue mani. C’è una direzione del buddismo chiamata Vajrayana (inoltre, il Buddha stesso è chiamato Vajrasatgva in essa). Nello yoga c’è una postura chiamata vajrasana, il cui significato è rendere il corpo forte, come un diamante.

Nella mitologia indiana, il Vajra è la potente arma del dio Indra, che può uccidere senza sbagliare. Allo stesso tempo, come un diamante, è sano e salvo in ogni situazione: distrugge tutto, ma non rimane un solo graffio.

Nota che il dio Indra è il dio principale nella mitologia indù, il capo di tutti gli dei, il dio del tuono e del fulmine, “il re dell’universo”. Distrugge e rompe fortezze e inoltre, con l’aiuto del vajra, è in grado di comandare il tempo, nonché di cambiare il corso dei fiumi e di far saltare in aria le rocce.

Boudhanath Stupa

Vajra in varie descrizioni è accompagnato da epiteti: rame, oro, ferro, forte, come da pietra o roccia. Ha quattro o cento angoli, mille denti, a volte ha la forma di un disco, ma più spesso è cruciforme, a forma di raggio di fulmine incrociato. Immagini di Vajra si trovano sui monumenti più antichi dell’India. Ma la cosa più interessante è che tali oggetti appaiono come attributi degli dei nei monumenti culturali di altri paesi.

Ad esempio, Zeus negli affreschi dell’antica Grecia tiene chiaramente un vajra nelle sue mani. E ricordiamo che il Thunderer possedeva un’arma potente in grado di lanciare fulmini e, inoltre, sapeva come controllare il tempo. Ciò significa che questa misteriosa arma nei tempi antichi era disponibile in diverse parti del pianeta.

Tuttavia, i vajra sono ampiamente rappresentati nel nostro tempo. Come già accennato, questo è un oggetto di culto per le religioni orientali, e quindi viene prodotto oggi, inoltre, secondo antiche immagini e canoni. Inoltre, ci sono diversi vajra lasciati dai tempi antichi. Ad esempio, in Nepal c’è un complesso di templi di Boudhanath costruito nel VI secolo d.C. Al centro del complesso si trova il cosiddetto stupa buddista (a proposito, un altro misterioso edificio religioso che ricorda soprattutto un’astronave è un normale emisfero con una sommità). C’è un enorme vajra nelle vicinanze, che è oggetto di culto di molti pellegrini.

Inoltre, i monaci locali affermano che gli dei usavano questo vajra come strumento: tagliavano pietre, fabbricavano blocchi per la costruzione di templi e altre enormi strutture.

Mantra segreto
I ricercatori del paranormale ritengono che i vajra inizino a funzionare dopo essere stati “attivati” con l’aiuto di un mantra segreto, che è mantenuto dai ministri delle antiche religioni dell’Oriente. Tuttavia, finora nessuno è riuscito a far funzionare le misteriose armi del passato. Tuttavia, il famoso Nikola Tesla nel 1896 creò il suo misterioso generatore di risonanza (bobina di Tesla), che funziona senza mantra e, creando una tensione di diversi milioni di volt, lancia letteralmente fulmini. Quindi puoi proporre una versione in cui il vajra è anche un generatore risonante, che aveva una potenza molto elevata.

Si ritiene che i vajra siano associati ai campi di torsione. Questo termine fu introdotto nel 1922 dallo scienziato francese Élie Cartan – con esso designò un ipotetico campo fisico, formato dalla torsione dello spazio. Successivamente, la teoria dei campi di torsione divenne la questione più controversa in fisica. E il suo non riconoscimento ufficiale è in gran parte dovuto al fatto che le “persone di torsione” affermano che una persona e i suoi pensieri possono generare e controllare campi di torsione.

Se il Vajra è l’arma degli antichi dei, che erano molto più avanti di noi in termini di livello di sviluppo tecnologico (dopotutto, volavano da pianeti lontani, che non sono ancora disponibili per noi), allora si scopre che queste divinità misteriose sapevano come controllare i campi di torsione (ricorda il mantra orientale segreto).

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.