A Naupa Huaca, che si trova a pochi chilometri dalla città di Ollantaytambo, in Perù, ci sono enigmatici antichi misteri che gli esperti non sono ancora in grado di spiegare.

Come la stragrande maggioranza delle costruzioni Inca, anche la grotta Naupa Huaca si trova ad un’altitudine elevata, a quasi 3.000 metri sul livello del mare. Ma ciò che è così impressionante di questa grotta è la struttura misteriosa – una porta sacra per il paradiso – che ha attirato l’attenzione di ricercatori e appassionati. Ha alcune caratteristiche insolite che sono incredibili e strane allo stesso tempo. Si dice che sia qui che si suppone si trovi l’antico portale segreto della cultura Inca.

Grotta Naupa Huaca e i misteriosi portali

Le affermazioni e le storie straordinarie su Naupa Huaca sono nate forse a causa dell’enigmatica architettura del luogo. Anche se è considerata una costruzione Inca (è molto dibattuta), Naupa Huaca ha dettagli così precisi che difficilmente assomigliano ad altre strutture trovate in tutto il paese. L’ingresso della grotta è progettato a forma di “V” rovesciata, che si estende per tutta l’area. Molti credono che questo sito non sia stato scelto per caso. Le pareti del soffitto presentano dettagli microtagliati, levigati con precisione laser per creare due diverse angolazioni sul soffitto; questi angoli sono rispettivamente di 52 e 60 gradi.

 

Dopo ulteriori studi, gli archeologi hanno notato che c’è solo un posto al mondo in cui questi due angoli appaiono fianco a fianco. Appaiono sul pendio angolare delle due più grandi piramidi di Giza , in Egitto. Questo mostra la connessione tra le opere antiche che sono state costruite da persone in passato, anche se Perù ed Egitto sono a più di 12.000 chilometri di distanza Ma l’angolo formato dal soffitto non è il più grande mistero del luogo. In basso si trova il misterioso portale, un piccolo edificio alloggiato nella parete laterale della grotta. I ricercatori hanno chiamato la struttura una “porta falsa”, perché ― almeno fisicamente ― non porta da nessuna parte.

Per la sua struttura, è facile notare che questo portale sembra essere stato manipolato con conoscenze (tecnologie) avanzate, poiché presenta linee praticamente perfette, spigoli vivi e superfici lisce. Il design in tre fasi definisce la visione andina dell’Universo: il mondo sotterraneo creativo, il mondo di mezzo fisico e l’altro mondo etereo. Il concetto è idealizzato nel chakana, comunemente noto come la croce andina, il disegno geometrico più completo, sacro degli Incas.

Chakana significa letteralmente “collegare o attraversare” e descrive come i tre livelli di esistenza siano collegati tra loro da una canna cava, un concetto culturalmente condiviso nell’antica Persia, in Egitto, nel sud-ovest degli Stati Uniti e nel mondo celtico. Oltre a questa antica porta, vi è accanto un altare basaltico, composto da tre finestre perfettamente scolpite. Queste caratteristiche non si vedono solo in questo luogo. Diversi edifici antichi in tutto il mondo si interessavano al sollevamento di enormi edifici in cui spiccavano tre passaggi che avrebbero dato accesso al suo interno. Questo mostra come il numero ‘3’ abbia affascinato i nostri antichi antenati. Ma perché?

I misteri non finiscono qui, c’è un’altra anomalia da esaminare in questa costruzione arcaica. I suoi creatori scelsero il punto esatto della montagna dove si trova la più alta concentrazione di pietra blu, uno sperone di roccia calcarea noto per il suo potere magnetico. Per aggiungere, questa stessa pietra è stata utilizzata per costruire Stonehenge , uno dei più grandi punti di riferimento nella storia umana di questo pianeta. Per dire, strutture antiche come Naupa Huaca sono circondate da molti misteri indecifrabili fino ad oggi.

Allora chi ha effettivamente creato le strutture Naupa Huaca?
Quanto all’identità dell’architetto, certamente, l’Inca può essere respinto. La lavorazione della pietra Inca impallidisce al confronto sia in termini di dimensioni che di qualità, hanno semplicemente ereditato e mantenuto una cultura che, ai loro tempi nel XIV secolo, era già scomparsa da tempo; anche l’antico Aymara sosteneva che tali templi fossero stati realizzati molto prima degli Inca. Lo stile della lavorazione della pietra a Naupa Huaca è coerente con quello che si trova a Cuzco, Ollantaytambo e Puma Punku, e ciò che questi siti hanno in comune è il mito di un dio costruttore itinerante di nome Viracocha che, insieme a sette Splendenti, apparve a Tiwanaku dopo una catastrofica inondazione mondiale, datata al 9.703 aC, per aiutare a ricostruire l’umanità. È interessante notare che lo stesso gruppo appare contemporaneamente in Egitto come gli Aku Shemsu Hor – i seguaci di Horus – che si ritiene siano dietro la realizzazione delle piramidi egiziane.

La struttura di Naupa Huaca funzionava come un antico portale che si collegava ad altre parti del globo? È per questo che puoi vedere così tante somiglianze quasi identiche in diverse civiltà antiche?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.