È così che può iniziare la fine della civiltà: una super esplosione distrugge la rete elettrica e tutta l’elettronica, così che nulla nella società funziona più.

Il nuovo minimo solare (con conseguente raffreddamento globale già in via di sviluppo) avrà conseguenze sempre più di vasta portata per la vita sulla Terra nei prossimi anni. A questo si aggiunge un’altra grave minaccia. Mentre il campo magnetico del nostro pianeta – il nostro scudo protettivo contro i raggi cosmici – si indebolisce, uno scienziato di spicco del Climate Science Center di Pagosa Springs, in Colorado, popolarmente noto come Oppenheimer Ranch Project, avverte che il nostro pianeta potrebbe essere colpito da un catastrofico super solare flare già nel 2023.

Questa non è solo una teoria, perché l ‘”onda cosmica” che ha causato un simile bagliore solare nella nostra vicina stella Proxima Centauri nel 2019 sembra ora dirigersi verso di noi.

Nel 2017, la NASA ha pubblicato un rapporto in cui esprimeva preoccupazione per il “minimo solare” ora in corso. Non sono previste grandi esplosioni di brillamenti solari, ma enormi buchi, a volte della durata di mesi, nella corona solare, attraverso i quali le particelle solari possono fuoriuscire ad alta velocità e colpire il campo magnetico terrestre .

In questo modo, i satelliti, così come le installazioni elettriche ed elettroniche sulla superficie del pianeta, possono essere danneggiati o addirittura disabilitati in modo permanente. Può anche mettere in pericolo la salute pubblica. Una di queste esplosioni ha causato enormi interruzioni di corrente nell’aprile 2017 in diverse grandi città degli Stati Uniti.

Grandi preoccupazioni per il declino del campo magnetico e la superesplosione nel 2023

Lo scienziato del Climate Science Center David Mauriello è più preoccupato per il calo del campo magnetico e una possibile inversione polare rispetto al nuovo minimo solare e al raffreddamento globale. Entro il prossimo anno, potremmo vedere gli effetti combinati di una magnetosfera in declino – un effetto collaterale di inversioni magnetiche o anomalie che potrebbero far scendere il campo magnetico terrestre al di sotto del 10% del suo massimo – combinato con un potente getto di plasma dal sole.

Uno studio recente, basato sulle osservazioni di nove telescopi, incluso il noto telescopio spaziale Hubble, ha mostrato che il 1 maggio 2019 la stella più vicina al nostro sistema solare, Proxima Centauri, ha avuto un’esplosione di una potenza senza precedenti, un’esplosione violenta, che esplose 100 volte più potenti delle esplosioni del nostro sole. Proxima Centauri è una nana rossa a una distanza di 4,25 anni luce dalla Terra.

Questa esplosione a Proxima Centauri ha avuto la potenza di un’esplosione X-200+ del nostro sole. Nota che il bagliore più forte del nostro sole è stato “solo” un X-45. Questo è stato misurato nel 2003 e fortunatamente non era rivolto al nostro pianeta. Si ritiene che anche l’evento Carrington del 1859 sia stato causato da un’esplosione di X-45. Poiché la nostra società non dipendeva ancora dall’elettronica, le conseguenze erano limitate.

L’onda cosmica ha già colpito due stelle vicine

Mauriello ipotizza che se le ultime conoscenze sull’esistenza di una sorta di “onda di corrente di Birkeland” galattica sono corrette, questa “onda” cosmica che ha colpito Proxima Centauri nel 2019 è ora in viaggio verso la Terra quasi alla velocità della luce. Ciò significa che questa onda potrebbe colpire il sole nell’estate del 2023, provocando un’esplosione altrettanto grande. Non ha nemmeno bisogno di mirare direttamente al nostro pianeta per provocare una distruzione senza precedenti attraverso l’effetto “alone” e “bombardare” il nostro mondo fino all’età della pietra.

Una recente superesplosione nella stella di Barnard, a 5.978 anni luce di distanza, è una forte indicazione che questa è più di una semplice possibilità teorica. Il bagliore in questa stella si è verificato all’intervallo previsto. A causa del restringimento della magnetosfera, un X-flare medio è già sufficiente per spazzare via il 90% della nostra civiltà, che è diventata fortemente dipendente dall’elettronica e dall’elettricità. L’imminente “onda” galattica potrebbe anche fornire la spinta finale per avviare una rapida inversione di polarità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.