Dall’inizio degli anni ’60 alla fine degli anni ’80, più di 200 navi affondarono nelle misteriose acque del lago Poyang, noto come il triangolo cinese delle Bermuda. Gli incidenti hanno provocato la scomparsa di numerose navi e più di 1.600 persone, con oltre 30 sopravvissuti impazziti.

Il lago Poyang è il più grande lago d’acqua dolce della Cina e si trova nella provincia di Jiangxi, nel sud-est della Cina. Le dimensioni effettive del lago oscillano enormemente. Secondo l’Encyclopædia Britannica, al massimo in estate, “sono 1.385 miglia quadrate (3.585 km quadrati), ma una misurazione precisa è impossibile perché la differenza tra il livello delle inondazioni e il livello dell’acqua bassa è a volte fino a 25 piedi (8 metri). ).”

Secondo il dipartimento incaricato degli affari marittimi, grandi navi con carichi utili fino a 2.000 tonnellate sono affondate nel lago Poyang. Il 3 agosto 1985, 13 navi andarono perdute in un solo giorno, un evento estremamente raro nella storia marittima. Gli scienziati hanno cercato per anni di svelare i misteri del lago Poyang, ma nessuna indagine ha prodotto conclusioni concrete.

Nessun relitto trovato sul fondo del lago

L’Istituto di Geografia e Limnologia di Nanchino (lo studio delle acque interne) si è dedicato negli ultimi anni all’esplorazione e allo studio del lago Poyang. Jiahu Jiang, un ricercatore dell’istituto, ha affermato che è inimmaginabile che nessun relitto di nave o resti di vittime siano mai stati trovati sotto le acque durante le numerose spedizioni che hanno condotto, anche se è noto che innumerevoli navi sono scomparse.

Di conseguenza, la conclusione sconcertante tratta dalle prove è che ogni volta che una nave scompare, tutti a bordo vaporizzano con la nave e nulla viene lasciato indietro.

Colpiti anche gli invasori giapponesi

Secondo Jiang, anche l’esercito giapponese che invase la Cina durante la seconda guerra mondiale incontrò un incidente sul lago. Il 16 aprile 1945, una nave mercantile giapponese che pesava più di 2.000 tonnellate affondò nel lago Poyang. Gestita dall’esercito giapponese, la nave era completamente carica di tesori e oggetti d’antiquariato presi da civili cinesi. La nave è affondata nel lago e nessuno dell’equipaggio è sfuggito alla tragedia. Dopo aver ricevuto la notizia della nave scomparsa, l’esercito giapponese ha ordinato al suo personale della marina di stanza nelle vicinanze di salvare la nave. Solo uno dei subacquei riuscì a ritrovare la strada per la riva, ma non riuscì a parlare.

Il sopravvissuto sembrava colpito da un estremo terrore. Era spinto alla follia da ragioni sconosciute. Alla fine della seconda guerra mondiale, il governo nazionalista cinese tentò ancora una volta di salvare la nave. Questa volta hanno cercato aiuto da Edward Boer, un prestigioso subacqueo americano ed esperto di salvataggio. Nell’estate del 1946, Boer guidò una squadra di sub e iniziò il suo compito di salvataggio nelle acque, ma non fu trovato nulla dopo una ricerca continua durata mesi. Durante la ricerca, diversi subacquei sono misteriosamente scomparsi.

Latitudine 30 gradi nord

“Se qualcuno fosse sopravvissuto a un incidente in quelle acque, sarebbe stato molto più facile individuarne la causa; tuttavia, semplicemente non è così”, ha detto Jiang.  Dal momento che nessuno è stato in grado di dare spiegazioni razionali sui misteri dopo così tanti decenni, la regione dei laghi è stata soprannominata “Area fantasma”. I residenti locali hanno ampiamente diffuso pettegolezzi su mostri lacustri, UFO ed extraterrestri. Ciò che provoca ulteriori intrighi che circondano l’area è la posizione geografica del lago Poyang. Si trova in prossimità di 30 gradi nord. Pertanto, molte persone collegano il mistero di queste acque con altri misteri irrisolti incentrati su una latitudine di 30 gradi nord, come il triangolo delle Bermuda nell’Oceano Atlantico e le piramidi in Egitto.

Un tentativo di spiegazione scientifica attribuisce gli incidenti di affondamento all’influenza di grandi creature acquatiche. Ad esempio, i delfini d’acqua dolce nel fiume Yangtze e nel lago Poyang potrebbero aver ribaltato alcune navi, ma questa spiegazione non è valida, poiché i delfini non sono abbastanza potenti da far naufragare navi che pesano decine o addirittura migliaia di tonnellate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.