Esperti britannici del Center for the Study of Existential Risk (CSER) dell’Università di Cambridge e dell’Università di Birmingham, avvertono che un’enorme eruzione vulcanica non è affatto improbabile nei prossimi decenni. Gli effetti indiretti di una cosa del genere – al di là della distruzione immediata – sarebbero gravi per il clima e la catena alimentare.

La probabilità di una gigantesca eruzione vulcanica (magnitudo 7 sulla scala di esplosività relativa “Volcano Explosivity Index-VOI”) da qualche parte sulla Terra nei prossimi anni è stimata in una su sei.

Gli scienziati, che hanno realizzato la relativa pubblicazione sulla rivista “Nature”, descrivono il colossale evento come un “tiro di dadi” per dimostrare che la questione dovrebbe iniziare a essere presa più seriamente di quanto non lo sia fino ad ora, quando l’attenzione è rivolta ad altri grandi rischi per l’umanità (crisi climatica, impatto di asteroidi, ecc.).

Gli esperti sottolineano che “c’è un malinteso diffuso sul fatto che i rischi di una grande eruzione vulcanica siano bassi” e sottolineano che l’attuale mancanza di investimenti governativi nella sorveglianza e nella risposta in caso di disastro vulcanico è “sconsiderata”. Ecco perché chiedono un’azione tempestiva, come una migliore consapevolezza pubblica dei rischi vulcanici, ma anche iniziative più audaci, come una migliore gestione del magma nei vulcani pericolosi.

“I dati raccolti dalle carote di ghiaccio sulla frequenza delle eruzioni vulcaniche su lunghi periodi di tempo mostrano che c’è una possibilità su sei di un’eruzione di magnitudo sette entro i prossimi 100 anni. Questo equivale a lanciare i dadi. “Tali gigantesche eruzioni hanno causato bruschi cambiamenti climatici e il collasso di civiltà in un lontano passato”, ha affermato la ricercatrice del CSER Lara Mani. Come ha detto, il rischio di una gigantesca eruzione vulcanica è centinaia di volte maggiore del rischio che un asteroide o una cometa con un diametro di un chilometro cada sulla Terra.

“Centinaia di milioni di dollari vengono dedicati ogni anno alle minacce di asteroidi, ma c’è una grave mancanza di finanziamenti e coordinamento globali nella preparazione di un’eruzione vulcanica. Questo è qualcosa che deve – urgentemente – cambiare. Sottovalutiamo completamente il pericolo che i vulcani rappresentano per le nostre società”, ha aggiunto.
L’ultima grande eruzione vulcanica sulla Terra si è verificata a Tonga questo gennaio. Gli esperti stimano che se fosse durato più a lungo, se avesse rilasciato più ceneri e gas, o se si fosse verificato in un’area con infrastrutture vitali come il Mediterraneo, i suoi effetti locali e globali sarebbero stati catastrofici.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.