Ci sono molti video su Internet su come i bambini sotto i 5 anni o gli animali domestici guardano in modo entusiasta dove non sta succedendo nulla. Tuttavia, questo processo può richiedere molto tempo. Ad esempio, un bambino di 3 anni della Nuova Zelanda ha osservato l’angolo di una stanza senza niente per più di due ore. Assolutamente niente, un angolo qualunque, di cui ce ne sono tanti in un appartamento non arredato.

Alcuni parapsicologi ritengono che i bambini di età inferiore ai 5 anni percepiscano il mondo a modo loro. Possono vedere cose che gli adulti non vedranno mai. Vengono espresse anche ipotesi così audaci che i bambini piccoli sentono e vedono entità dall’aldilà o da altri mondi.

Naturalmente, questa teoria ha problemi con la base di prove. Oltre a vari esperimenti non del tutto convincenti con un campo elettromagnetico, non ci sono argomenti reali e convincenti a favore di questa versione.

Un esperimento è stato condotto nel 2005. I ricercatori hanno selezionato venti bambini di età compresa tra 3 e 5 anni. Sono stati portati in un asilo abbandonato diversi decenni fa, dove una volta è scoppiato un terribile incendio, che è costato la vita a 33 bambini e due adulti.

Dopo una camminata di gruppo di mezz’ora intorno all’edificio, i soggetti sono stati riportati in classe, dove sono state distribuite le matite e hanno avuto il compito di disegnare ciò che vedevano. 18 bambini su 20, oltre a pareti e mobili spaventosi, hanno raffigurato piccole sagome scure. Alla domanda se le immagini fossero loro stesse bambini, i bambini hanno risposto di aver visto bambini traslucidi che guardavano fuori da dietro gli angoli dei mobili e si nascondevano rapidamente.


Questo esperimento non può essere considerato una prova al cento per cento della teoria secondo cui i bambini sono in grado di percepire la presenza di fantasmi o spiriti. Ma c’è qualcosa in esso. Neurofisiologi del Canada e degli Stati Uniti hanno sostenuto i parapsicologi della Nuova Zelanda.

Uno studio completo della struttura del cervello umano nelle prime fasi della vita mostra che si sviluppa gradualmente e in alcuni momenti della vita (da 0 a 5-6 anni) la percezione del mondo esterno è molto diversa da quella che si verifica nei periodi successivi di crescita. A proposito, questa versione è confermata non solo dai neurofisiologi, ma anche dagli zoologi.

Si scopre che gli animali sono anche in grado di percepire il mondo da bambini. Ad esempio, dopo la morte del loro proprietario, cani e gatti avvertono la sua presenza nelle vicinanze per un massimo di sei mesi. Non stiamo parlando del fatto che vedono i fantasmi, molto probabilmente c’è una connessione empatica. Sebbene non si possa rifiutare definitivamente l’assunto che gli animali domestici vedano entità ultraterrene.

Un interessante esperimento è stato condotto in Francia nel 2009. Tre volpi selvatiche e tre cani domestici sono stati portati nel reparto di terapia intensiva di un ospedale, dove, quasi quotidianamente, qualcuno muore. Teoricamente, è qui che potrebbe esserci un gruppo di entità oscure.

Gli animali selvatici si sono comportati in modo sorprendentemente calmo e hanno reagito alle persone in movimento, ai fattori acustici, forse anche alla paura. Gli animali domestici, invece, piagnucolavano, cercavano di nascondersi in un angolo, si coprivano gli occhi con le zampe nel senso letterale della parola. I ricercatori hanno attribuito questo comportamento al fatto che gli animali selvatici agiscono solo con manifestazioni fisiche della realtà, mentre gli animali domestici allevati in cattività, soprattutto non nella prima generazione, sentivano in modo molto sensibile la presenza di altre entità effimere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.